Fnomceo, su Patto salute chiamare ai tavoli professioni sanitarie


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 18 apr. (AdnKronos Salute) - Lo avevano chiesto, insieme alle altre federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, già il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente che rappresenta le ostetriche, ribadiscono la richiesta delle professioni sanitarie di contribuire, per quanto di loro competenza, alla definizione del Patto per la Salute. Lo fanno all’indomani della nuova riunione tra Regioni e ministero sul nuovo Patto, che ha sancito la partenza dei tavoli operativi e della successiva nota del ministro.

"Le professioni vogliono essere parte attiva del percorso di predisposizione del Patto per la Salute, che va a incidere su temi quali la formazione, la riorganizzazione dell’assistenza territoriale, i fabbisogni di personale, le risorse, i farmaci, l’edilizia sanitaria, la digitalizzazione. Tutti obiettivi strategici che coinvolgono da vicino le professioni stesse e che possono essere raggiunti solo con decisioni condivise", spiega il presidente Fnomceo, Filippo Anelli.

"Le professioni sanitarie e sociali vogliono esserci, vogliono contribuire, apportando le loro specifiche competenze e i loro valori, ad assicurare la migliore assistenza sanitaria ai cittadini. Noi siamo i professionisti della salute, e qualunque Patto in materia non può essere steso senza il nostro apporto, in uno spirito di collaborazione e nell’applicazione del nostro ruolo di enti sussidiari dello Stato", conclude Anelli.