Fnomceo, su carenza medici pronti ad aprire tavolo con ministero


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 27 set. (AdnKronos Salute) - Sul problema della carenza dei medici "siamo sempre pronti a istituire un tavolo di lavoro insieme al ministero della Salute, mentre alle Regioni abbiamo già chiesto, su questo tema, un incontro per quale stiamo aspettando una data". Lo afferma il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, all'indomani del via libera al documento approvato e presentato ieri dalla Conferenza delle Regioni contenente le proposte in materia. "In queste riunioni - aggiunge Anelli - coinvolgeremo anche il nostro Osservatorio giovani medici, che dà voce alle diverse anime della professione".

"E' positivo che, sia nel documento della Conferenza delle Regioni, sia nel Patto della Salute - sostiene Anelli, commentando le 16 proposte delle Regioni e le 15 schede tematiche che faranno da cornice al Patto della Salute - si cominci ad affrontare la questione della formazione post lauream dei medici come unico strumento efficace per colmare la carenza di specialisti e di medici di medicina generale, che già comincia a mostrare i suoi primi effetti. E' necessaria, però, una riforma organica e strutturale della formazione, che faccia diventare il percorso un unicum, assicurando, per ogni laurea, una specializzazione".

"Ribadiamo che i medici neolaureati, senza un adeguato percorso formativo, non possono lavorare nel Servizio sanitario nazionale. In ogni caso - conclude il presidente Fnomceo - restiamo dell'idea che, in primis, vadano impiegati gli specializzandi degli ultimi anni. Questo consentirebbe, tra l'altro, di liberare risorse per aumentare le borse almeno sino a 12.000, fronteggiando l'ondata di pensionamenti attesa per i prossimi anni".