Fnomceo, sorpasso Spagna campanello allarme, irrobustire Ssn


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 feb. (AdnKronos Salute) - "Oggi dobbiamo registrare un piccolo campanello d’allarme: l’Italia scivola dal primo al secondo posto nella classifica di Bloomberg sui Paesi più sani del mondo, scalzata dalla Spagna". E, per riconquistare la testa della classifica, "occorre puntare sempre più sulla qualità della formazione, sulla prevenzione e sul potenziamento della medicina territoriale. Bisogna irrobustire il sistema sanitario nazionale e riorganizzarlo, migliorando l’accesso alle reti, e progettando nuove modalità di assistenza sovraregionali". Lo sostiene il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, Filippo Anelli, che plaude il ministro della Salute Giulia Grillo per il tweet dedicato, ieri, ad Alberto Sordi, in cui lo ha ricordato, a 16 anni dalla sua scomparsa, attraverso il suo personaggio, dottor Guido Tersilli, medico della mutua, che ben ha descritto la sanità prima del Ssn.

"Ha ragione il ministro Grillo - commenta Anelli - il dottor Tersilli è una figura paradigmatica di quella che era la sanità prima del nostro Servizio sanitario nazionale. Il 'medico della mutua' era quello che poteva fare tutto, senza un’opportuna formazione, preparazione o specializzazione. Era il medico che, dall’ospedale, passava al territorio per prescrivere ricette. Ha soprattutto ragione il ministro Grillo, quando afferma che questo Ssn va conservato, perché si regge su professionisti formati e competenti", continua il presidente della Fnomceo.

"Auguriamo anche noi, insieme al ministro, lunga vita al Ssn e ai suoi straordinari professionisti - conclude Anelli- Sostenere la formazione, migliorare le competenze fondate su conoscenze certificate da un opportuno percorso formativo, evitando sanatorie ingiuste oltre che dannose per la qualità del sistema di cure, sono i presupposti per migliorare l’assistenza, ridurre le disuguaglianze e assicurare un grande futuro alla salute degli italiani".