Fnomceo, 'riunione Consulta professioni importante riconoscimento'


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 28 mag. (Adnkronos Salute) - "Ringraziamo il ministro della Salute, Roberto Speranza, per aver voluto riunire oggi la Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie. Per noi questo è un segnale importante di riconoscimento del valore delle professioni e dei professionisti quali pilastri del Servizio sanitario nazionale. È particolarmente significativo che il ministro abbia voluto rivolgersi a noi proprio oggi, mentre sta per scattare un altro importante step della Fase 2, con la possibile riapertura del passaggio tra Regioni, e a pochi giorni dalla ricorrenza del 2 giugno, Festa della nostra Repubblica". Così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, al termine della riunione di questa mattina della Consulta.

"Il ringraziamento più importante, però, va al ministro per l’azione svolta in questi lunghi mesi a contrasto del Covid-19", durante i quali "abbiamo condiviso molte scelte, anche tormentate, per ridurre la diffusione del virus", aggiunge Anelli. Che ricorda i "tanti interventi a sostegno del Ssn, impensabili sino a qualche mese fa. Solo con il decreto Rilancio sono stati investiti in sanità 3 miliardi e 250 milioni di euro, quasi il triplo di quanto si prevedeva ogni anno per il settore con le passate Finanziarie”.

"La pandemia ha purtroppo evidenziato anche le criticità del nostro Ssn, la frammentazione tra sistemi regionali, la mancata integrazione tra ospedale e territorio", constata. "Quasi 30mila operatori sanitari sono rimasti contagiati, pari all’11% di tutte le persone colpite, 165 medici, 40 infermieri, 15 farmacisti, 2 ostetriche sono morti, riproponendo con forza il tema della mancanza di sicurezza per gli operatori. Ha ragione il ministro - conclude - quando afferma che l’emergenza del coronavirus ha chiarito a tutti che il Servizio sanitario nazionale è la cosa più importante che abbiamo ed esorta a lavorare ogni giorno insieme per rafforzarlo".