Fnomceo, 'meno di mille colleghi reintegrati ma ne mancano 20mila'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 23 nov. (Adnkronos Salute) - Il rientro al lavoro dei camici bianchi non vaccinati contro Covid-19, grazie all'eliminazione anticipata dell'obbligo di vaccinazione, ha un effetto soltanto "marginale" sugli organici degli ospedali e sulla medicina del territorio. "Abbiamo stimato che i medici reintegrati nel Servizio sanitario nazionale sono meno di mille, mentre la carenza è di 20mila colleghi tra ospedale e territorio". Lo ha sottolineato Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), ascoltato oggi in audizione alla Commissione Giustizia del Senato sulla conversione in legge del decreto che, tra le altre disposizioni, ha anticipato al 2 novembre la cessazione dell'obbligo vaccinale anti-Covid per i professionisti sanitari. "La mancanza di medici in molte regioni italiane è del resto un problema noto e denunciato da tempo", ha ricordato Anelli.