Fnomceo, fronte comune per dire basta all’imbuto formativo


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 15 lug. (AdnKronos Salute) - "Riceviamo lettere da molti giovani medici che raccontano la loro storia, la storia dei loro e nostri colleghi, fatta di sacrifici, di speranze deluse, di futuro rubato. Per questo ribadiamo il nostro appello: sia fatta una legge per la quale a ogni laurea in Medicina corrisponda un posto nelle specializzazioni o al corso per diventare medico di medicina generale, per dire basta all’imbuto formativo. E sia il percorso formativo a orientare la scelta tra le diverse specialità, perché nessuna borsa sia mai più abbandonata". Così il presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri), Filippo Anelli, commenta le lettere ricevute in questi giorni da giovani medici che lamentano le difficoltà organizzative e di accesso alle specializzazioni e al corso specifico per la Medicina generale.

Oggi la formazione post lauream sarà al centro della riunione del Gruppo di lavoro giovani professionisti Fnomceo. Domani l'esecutivo Fnomceo ha in agenda due incontri, uno con il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e uno con il ministro della Salute Giulia Grillo. "Storie di giovani medici laureati, abilitati, che si adoperano per entrare in una scuola di specializzazione: molti non ci riescono, e finiscono prigionieri dell’imbuto formativo - racconta Anelli - altri sono costretti a ripiegare su specialità che non corrispondono alle loro reali inclinazioni, e l’anno successivo ritentano, 'sprecando', di fatto, le risorse destinate alla prima borsa. Sono segni, sintomi da non sottovalutare".

"Noi, come Fnomceo, ci sentiamo responsabili di ognuno di quei colleghi, dei loro sacrifici e del loro futuro. Altri giovani medici si sono organizzati sui social e stanno portando avanti le loro istanze - che sono anche le nostre - con un’azione di mail bombing diretta ai parlamentari - conclude Anelli - Oggi più che mai la professione è unita e fa fronte comune per risolvere, una volta per tutte, queste anomalie".