Fnomceo, 'dopo solidarietà su mancati ristori servono i fatti'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 15 feb. (Adnkronos Salute) - Sui mancati ristori per le famiglie dei medici deceduti, "ringraziamo tutti coloro che hanno fatto sentire la loro solidarietà. Ora si tratta di passare dalle parole ai fatti: ci aspettiamo, da parte del Parlamento, una risposta unitaria, concertata con il Governo, in modo tale da agevolare il percorso e riconoscere i diritti delle famiglie dei colleghi scomparsi". Così, in una nota, il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), Filippo Anelli.

La Fnomceo descrive come "una vera e propria ondata di indignazione quella che ha scosso l'opinione pubblica alla notizia della bocciatura, in Senato, del subemendamento al Dl 'Proroga dello stato di emergenza' che prevedeva ristori per le famiglie dei medici non convenzionati Inail e morti per il Covid. I sindacati medici all'unisono, gli Ordini provinciali, l'Enpam, l'ente previdenziale di categoria, molti gruppi parlamentari, ma anche associazioni di cittadini, ultima, questa mattina, Senior Italia FederAnziani: tutti - riferisce la Federazione degli Ordini - si sono mossi per chiedere l'intervento del Parlamento e del Governo e sanare la situazione di tante famiglie".

E sui medici deceduti, 370 dall'inizio dell'epidemia, dopo la morte, ieri a Verona, di Edward Haiek, medico di famiglia, la Fnomceo riflette come "sono proprio i medici di famiglia, insieme a quelli delle guardie mediche, del 118, ai pediatri, agli specialisti ambulatoriali, agli odontoiatri, ai liberi professionisti, ad aver pagato il prezzo più alto, costituendo la maggior parte dei professionisti scomparsi. Mentre le loro famiglie, oggi - conclude la Federazione - si vedono negato un ristoro economico che, lungi dall'essere un risarcimento per la perdita, sarebbe almeno un segno di gratitudine, di vicinanza da parte dello Stato".