Fnomceo, 'dati migliori ma pressione resta forte su assistenza'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 25 gen. (Adnkronos Salute)() - "Siamo contenti che stiano migliorando i dati della pandemia" di Covid-19 "e che i numeri comincino a scendere, ma sull'assistenza 'sul campo' questa discesa si sente molto meno. I contagi sono ancora molti, questo significa una pressione molto forte. Anche sul territorio, considerando che in isolamento domiciliare ci sono quasi 2.700.000 persone. Con un numero di telefonate, terapie e indicazioni da fornire, richieste burocratiche da evadere, che caricano i medici di famiglia a livelli elevatissimi". Lo spiega all'Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo).

Questa pressione, sottolinea, "così come accade in ospedale, toglie tempo all'assistenza che i medici del territorio sono in grado di fornire a pazienti con altre patologie, quelli con malattie croniche in primis".