Fnomceo, Censis certifica ancora troppe diseguaglianze


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 6 dic. (Adnkronos Salute) - Il nuovo rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese "fotografa ancora una volta una sanità diseguale, dove il Servizio sanitario nazionale non riesce a rispondere alle domande di salute proprio laddove, per condizioni sociali ed economiche, ce ne sarebbe più bisogno. Fotografa, d’altra parte, un Ssn che si regge sulla relazione di cura, sul rapporto di fiducia tra medici e pazienti. Altissima si riconferma infatti la fiducia nei medici di famiglia (82,3%) e negli specialisti (91%)". Così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo) Filippo Anelli, commenta i capitoli relativi alla sanità del 53.esimo rapporto Censis, pubblicato oggi.

"Sono proprio queste differenze, per cui è al Sud che più ci si rivolge alla sanità privata, a svelare le diseguaglianze nell’accesso alle cure - ricorda Anelli - La sanità privata vicaria il Servizio sanitario nazionale laddove sono più marcate le carenze organizzative e strutturali, dove più lunghe sono le liste d’attesa. E ciò è tanto più ingiusto perché sono proprio i cittadini delle Regioni più in difficoltà, e quindi in condizioni economiche meno agiate, a dover pagare di tasca propria le prestazioni. Come ben spiegato nel Rapporto: sono i numeri di una marcata differenziazione territoriale nell’accesso al servizio sanitario e ai Lea che mina alle fondamenta la promessa di una sanità uguale per tutti".

"Il dato per cui 9 italiani su dieci si fidano del medico, d’altra parte, ci conforta e rincuora - conclude - È una fiducia che si basa sul riconoscimento delle capacità del medico di individuare le cure migliori in autonomia, libertà e responsabilità e in applicazione delle competenze che gli derivano dai percorsi formativi e che lo Stato gli delega".