Fnomceo, 'bene estensione formazione-lavoro a specializzandi'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 dic. (Adnkronos Salute)() - "Soddisfazione per la norma che, all’interno del testo definitivo del Decreto ‘fisco e lavoro’, appena convertito in Legge, estende alle strutture private accreditate, appartenenti alla rete formativa, la possibilità di assumere gli specializzandi a partire dal terzo anno di corso. Con questo provvedimento, il legislatore ha voluto estendere a tutta la rete formativa la formazione-lavoro dei medici in specializzazione”. Così il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, commenta l’articolo 12 bis del testo del dl 21 ottobre 2021, n. 146 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 ottobre 2021), coordinato con la legge di conversione 17 dicembre 2021, n. 215 (pubblicata in GU il 20 dicembre), recante “Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili”.

L’articolo - spiega la Fnomceo - estende alle strutture sanitarie private accreditate, appartenenti alla rete formativa della scuola di specializzazione, la possibilità temporanea, già prevista per gli enti ed aziende del Servizio sanitario nazionale, di assumere a tempo determinato e con orario a tempo parziale i professionisti sanitari in corso di specializzazione e collocati in specifiche graduatorie concorsuali separate. Tale possibilità è ammessa in via transitoria, fino al 31 dicembre 2022. L'estensione è disposta con riferimento limitato agli specializzandi che svolgano l'attività formativa presso le medesime strutture private accreditate che procedano all'assunzione.

"Questo provvedimento, regolando l’assunzione degli specializzandi anche all’interno delle strutture private accreditate - spiega Anelli - favorisce l’incremento del personale nel nostro Servizio sanitario nazionale, importantissimo in un momento così delicato quale quello della pandemia di Covid. Qualsiasi intervento strutturale, quale l’aumento dei posti letto o di terapia intensiva, va infatti accompagnato da un potenziamento adeguato delle risorse umane”, conclude.