Fnomceo, 1 medico su 2 ha subito aggressioni verbali in ultimo anno


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 lug. (AdnKronos Salute) - Un medico su due ha subito nell'ultimo anno aggressioni verbali, mentre il 4% è stato vittima di violenza fisica. Sono dati che emergono dal questionario lanciato dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli odontoiatri (Fnomceo) con l'obiettivo di avere numeri aggiornati e completi sul fenomeno della violenza contro i medici, e che confermano i dati Inail.

"La paura principale del medico è proprio quella di avere paura - spiega Ombretta Silecchia, medico di famiglia e membro del gruppo di lavoro Sicurezza della Fnomceo, anche lei minacciata in passato, in una conversazione appena pubblicata dal progetto Forward della Regione Lazio - il timore di perdere la serenità e la lucidità necessarie all'esercizio della nostra professione, a causa della consapevolezza di lavorare in condizioni che spesso non rispettano neppure i criteri minimi di sicurezza".

Nel 2017 sono stati denunciati all'Inail più di 1.200 casi (più di tre al giorno) su un totale di 4.000 casi di violenza sul luogo di lavoro in generale. Due vittime su tre sono donne e tra le aree più a rischio sul territorio ci sono la continuità assistenziale, il 118 e i servizi psichiatrici e, in ambito ospedaliero, il pronto soccorso. Un'escalation di violenza contro medici e operatori sanitari che deve essere considerata una vera e propria emergenza della sanità pubblica, secondo la Federazione.

Anche Silecchia, durante un turno di lavoro nel servizio di continuità assistenziale, ha subito una minaccia a mano armata da parte di un pregiudicato, un utente abituale che richiedeva ormai quotidianamente la prescrizione e la somministrazione di analgesici da cui era dipendente.

"Ho denunciato quell'uomo - racconta a Forward - e dopo qualche giorno ho ripreso a lavorare. Non potevo permettere che la paura condizionasse la mia vita e che mi impedisse di svolgere la mia professione. Uno dei rischi principali è che, anche quando la denuncia viene fatta, spesso resti inascoltata per poca sensibilità sul tema da parte delle autorità competenti, per inadeguatezze strutturali e organizzative o per carenza di fondi".

Per questo la Fnomceo si sta impegnando da tempo e su più fronti, e nel marzo 2018 ha ottenuto l'insediamento presso il ministero della Salute dell'Osservatorio permanente per la garanzia della sicurezza e per la prevenzione degli episodi di violenza ai danni di tutti gli operatori sanitari, con lo scopo di monitorare il fenomeno, raccogliere dati e analizzare i casi di aggressione per individuare i fattori di pericolosità e proporre soluzioni per la prevenzione, nuove norme di legge, misure organizzative e legislative. "Ogni notte si continua a rischiare la vita. E questo è inaccettabile", conclude Silecchia.