Flucitosina: raccomandazioni aggiornate per l'uso in pazienti con deficit di diidropirimidina deidrogenasi DPD


  • Notizie sui farmaci - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIFA Agenzia Italiana del Farmaco

Nota Informativa Importante su medicinali a base di flucitosina

Flucitosina: raccomandazioni aggiornate per l'uso in pazienti con deficit di diidropirimidina deidrogenasi DPD.
Sommario:

    Il trattamento con flucitosina è controindicato nei pazienti con deficit noto dell’enzima diidropirimidina deidrogenasi (DPD), a causa del rischio di tossicità potenzialmente letale.
    I pazienti con un deficit parziale di DPD hanno anche un aumentato rischio di grave tossicità.
    La determinazione dell'attività della DPD può essere presa in considerazione quando la tossicità da farmaco è confermata o sospettata.
    In caso di tossicità da farmaci, si deve prendere in considerazione l'interruzione del trattamento con flucitosina.
    Non sono, tuttavia, necessari test pre-trattamento per il deficit di DPD al fine di evitare ritardi nella terapia antimicotica.

Pubblicato il: 25 maggio 2020

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale