Fismu, 'medici cubani in Calabria a 1200 euro, Speranza tace'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 24 ago. (Adnkronos Salute)() - "Emergono più dettagli sull’operazione della Regione Calabria per la contrattazione di medici cubani per il Servizio sanitario regionale e sui relativi costi. Sembrerebbe che questi medici cubani riceveranno dei compensi bassissimi, poco più di 1200 euro al mese, più le spese. Uno scandalo per la dignità dei medici, ma forse la vera ragione della mancata assunzione, invece, dei giovani medici calabresi e degli specializzandi. Chiediamo che si chiariscano con urgenza questi aspetti”. Francesco Esposito, segretario della Federazione italiana sindacale dei medici uniti (Fismu), chiede chiarimenti al presidente della Regione Roberto Occhiuto e denuncia "il silenzio delle istituzioni, del Governo e del ministro della Salute Roberto Speranza".

“Fino ad ora - afferma Esposito in una nota - abbiamo sentito la voce di protesta dei sindacati, dei giovani medici, della Fnomceo e di tutti gli Ordini dei medici calabresi, ma il silenzio delle istituzioni, del Governo e del ministro Speranza. Come si può permettere tutto ciò?", chiede. "Questo è un modo per abbattere i costi, importando medici dall’estero, oggi Cuba, domani sarà un altro Paese, si sottopagano i professionisti con accordi di lavoro precari e a tempo determinato e così si aggirano i contratti nazionali. Tutte le regioni da oggi potrebbero applicare lo stesso metodo: è inaccettabile, ricorremmo anche alle vie giudiziarie - assicura - ma sarebbe importante che il ministero della Salute intervenisse con decisione e urgenza”, conclude.