Fimmg su piano morbillo, medici famiglia pronti a fare propria parte


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 6 mar. (AdnKronos Salute) - "Accogliamo con grande favore l’iniziativa del ministro della salute Giulia Grillo di introdurre nuovi obblighi vaccinali attraverso il piano nazionale per l’eliminazione di morbillo e rosolia 2019-2023. La medicina di famiglia è pronta a fare la propria parte, anzi l’occasione dev’essere colta per garantire un più ampio intervento di sanità pubblica in una fascia d’età che oggi viene raggiunta con grande difficoltà dalle campagne pubbliche di prevenzione". Così il segretario generale Fimmg Silvestro Scotti insieme a Tommasa Maio, responsabile area vaccini Fimmg-Metis, in merito al Piano che prevede di introdurre, tra l’altro, la sensibilizzazione alla vaccinazione trivalente per chi accede ai concorsi nelle Forze dell’Ordine e vigili del Fuoco. Ma anche per gli studenti che si iscrivono a un Erasmus o alle società sportive.

"I medici di medicina generale – spiega Tommasa Maio – sono pronti a collaborare attivamente con i Centri vaccinali per garantire un supporto fondamentale in un Piano che punta a raggiungere, attraverso diverse iniziative, i nati tra 1975 e 2000 e quindi circa 2,5 milioni di persone". In questo senso il ruolo della medicina di famiglia può andare ben oltre la semplice vaccinazione.

"Operando in questo modo – prosegue Silvestro Scotti – sarà possibile intercettare quella fascia della popolazione che oggi non sente ancora l’esigenza di rivolgersi alla medicina di famiglia e che invece può trarre un grande vantaggio in termini salute. Il medico di famiglia potrà infatti approfondire il quadro complessivo di salute dei cittadini che richiederanno il vaccino e portare avanti la sua peculiare opera di controllo e di indirizzo alla prevenzione delle malattie croniche e verso corretti stili di vita".

Un momento in più di 'contatto' con l’esperienza di un medico, come per gli uomini in passato avveniva in occasione della visita per la leva militare ormai scomparsa. "L'appuntamento vaccinale - ribadisce Scotti - potrà essere un’opportunità per il medico di medicina generale di valutare complessivamente lo stato di salute della persona e, quando necessario, fare counseling non solo per quanto riguarda la prevenzione vaccinale, ma anche sugli stili di vita (fumo, alimentazione, attività fisica, alcol). In questo senso – conclude – la medicina di famiglia può ancora una volta offrire un grandissimo contributo, ampliando di fatto la portata del Piano nazionale per l’eliminazione di morbillo e rosolia 2019-2023, trasformando questo momento di promozione vaccinale in un intervento di sanità pubblica di più ampio respiro".