Fimmg Campania, 'problema App, 1 mln pazienti rischia quarantene ingiuste'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Napoli, 17 dic. (Adnkronos Salute)() - "C'è un enorme problema con più di un milione di cittadini che rischiano di restare prigionieri di ingiuste quarantene a causa di un malfunzionamento della piattaforma Sinfonia" della Regione Campania. A lanciare l'allarme sono i medici della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) che, per voce dei rappresentanti territoriali della Campania Luigi Sparano e Corrado Calamaro, chiedono "un immediato intervento affinché la situazione torni alla normalità".

"Ormai da giorni - spiega Calamaro - la piattaforma non dialoga più con le applicazioni per smartphone Android, rendendo impossibile per noi medici di famiglia provvedere alle registrazioni di positività o di avvenuta guarigione quando non siamo a studio". Un problema, sottolinea Fimmg, "non da poco, visto che da quelle registrazioni dipende la libertà degli assistiti di uscire di casa, o la possibilità di assentarsi legittimamente da lavoro per una positività, per non parlare del rischio altissimo connesso all'esigenza di tracciare i contagi e limitare la diffusione del contagio in un momento di picco come quello attuale".

Sparano osserva che "la nostra Regione ha giustamente fatto dell’efficienza tecnologica un vanto, ora nonostante le nostre segnalazioni rischia di cadere su un problema che tutto sommato si potrebbe risolvere facilmente. Trovo assurdo che si metta a rischio la salute pubblica per una app che non funziona". Fimmg conclude sottolineando che "per questo 'disguido tecnico' sono ad oggi circa 1.500 i medici di famiglia che non riescono a connettersi con la piattaforma Sinfonia quando non si trovano nel proprio studio. Un numero enorme che crea un rischio altrettanto grave di farsi scappare di mano la gestione dei pazienti Covid".