Fimmg a Crisanti, 'noi dipendenti Ssn? Non è scelta europea'

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 ago. (Adnkronos Salute)() - Medici di base dipendenti? "Non è un'idea europea", reagisce così Silvestro Scotti, segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), all'affermazione di Andrea Crisanti, microbiologo e candidato Pd, secondo il quale "i medici di medicina generale devono diventare dipendenti del servizio sanitario nazionale", un'idea contro la quale la Fimmg si batte da tempo.

"È strano che un’affermazione simile - prosegue Scotti - arrivi da chi è candidato nel 'Collegio Europa', perché afferma un principio che proprio in Europa non trova quasi nessun riscontro. Forse Crisanti lo ha dimenticato, o lo ignora. Nella stragrande maggioranza dei Paesi europei i medici di medicina sono legati al sistema sanitario nazionale da un rapporto di convezione, così come avviene in Italia, e questo garantisce un’autonomia gestionale e una maggiore efficienza dell’assistenza prestata. Forse è meglio che continui a interessarsi della sua disciplina e lasci ad altri i temi su cui evidentemente deve documentarsi di più e meglio".

Crisanti, aggiunge Scotti, "è un ottimo microbiologo e mai penseremmo di confrontarci con lui su temi di sua competenza e conoscenza, non ci rassicurano però le sue dichiarazioni sul ruolo che dovrebbero avere i medici di famiglia, non avendo il professore le stesse competenze in fatto di politica e organizzazione dei servizi sanitari".