Fiaso, slitta obbligo di acquisti tramite il 'Nodo di smistamento'


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 15 gen. (AdnKronos Salute) - Slittati i termini di decorrenza della norma che introduce l'obbligo di acquisto attraverso il Nodo di smistamento (Nso) degli ordini di acquisto delle amministrazioni pubbliche. Lo annuncia la Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), rivendicando che sono state accolte le sue proposte al ministero dell'Economia.

Lo scorso 27 dicembre, infatti, è stato pubblicato il decreto del Mef, che modifica il decreto ministeriale del 7 dicembre 2018 sulle modalità e i tempi per l'attuazione dell'obbligo di emissione e trasmissione dell'ordine di beni e servizi in formato elettronico da applicarsi agli enti del Servizio sanitario nazionale.

Nello specifico, spiega la Fiaso, con il decreto slittano i termini di decorrenza della norma che introduce l'obbligo di emissione degli ordini esclusivamente tramite Nso da parte delle aziende sanitarie e ospedaliere pubbliche.

Fra le altre istanze Fiaso accolte dal Mef, lo scaglionamento con decorrenze differite dell'avvio dell'ordine elettronico per beni, servizi non sanitari e servizi sanitari; la previsione di un ulteriore differimento della clausola di impagabilità, onde prevenire un sovraccarico amministrativo e un ritardo nei tempi di pagamento; l'abilitazione della trasmissione di ordini elettronici in ambiente di produzione su base volontaria prima della decorrenza obbligatoria dei termini.

Il decreto, conclude la Fiaso, regolamenta inoltre la possibilità per le aziende di avviare l'emissione di ordini elettronici anche prima delle decorrenze ufficiali: l'1 gennaio 2020 per l'acquisto di beni (sanitari e non) e l'1 gennaio 2021 per l'acquisto di servizi (sanitari e non). E ancora, stabilisce che l'articolo 3.4 del decreto ministeriale 7/12/2018, che introduce il criterio di impagabilità delle fatture elettroniche prive dei riferimenti dell'ordine, trova applicazione differita con decorrenza dall'1 gennaio 2021 per l'acquisto di beni (sanitari e non) e dall'1 gennaio 2022 per l'acquisto di servizi (sanitari e non).