Fials Lazio, Regione chiarisca su appalto emergenza

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 11 giu. (AdnKronos Salute) - "La Regione Lazio faccia chiarezza sul bando che l’ente territoriale ha pubblicato per affidare all’esterno, attraverso una gara centralizzata, il servizio sanitario in emergenza in area extra-ospedaliera, perché potrebbe essere interpretato come il primo passo verso l’intera privatizzazione dell’emergenza e lo smantellamento di tale servizio pubblico". E' la nota della segreteria provinciale Fials di Roma che analizza il capitolato d’appalto della Regione Lazio e la delibera della direzione generale dell’Ares 118 datata 3 maggio 2018.

"Nell'affidamento - aggiunge la Fials di Roma - sono compresi i trasporti secondari legati al primo intervento, mediante l’impiego di mezzi di soccorso da espletarsi sul territorio della Regione Lazio sotto il coordinamento e la gestione dell’Azienda regionale per l’emergenza Sanitaria Ares 118, così è scritto sul disciplinare".

"Da un lato si stabilizzano i lavoratori, dall’altra si consente l’intermediazione esterna di manodopera, da un lato si internalizzano i servizi dall’alto si favoriscono gli appalti. Chiediamo coerenza e chiarezza sulla questione e - sottolinea la Fials - al governatore Zingaretti di spiegare pubblicamente la strategia della Regione che si cela dietro queste decisioni. E infine chiediamo alle opposizioni di prendere una posizione sulla vicenda".

"Infatti se il documento dell’Ares sembra smarcarsi dai dettati dell’appalto regionale e parla impropriamente di associazioni e enti di volontariato e, ai quali certo – precisa la nota Fials - non si possono imputare vincoli e obblighi contrattuali rigidi nello svolgimento del soccorso, l’atto amministrativo della Regione Lazio è molto preciso e dettagliato. Viene specificato che si cercano realtà imprenditoriali anche in grado di consociarsi in Ati o Rti per offrire un servizio a 360 gradi sull’intero territorio: dai capoluoghi alle province. Consentendo anche il subappalto a terzi".

"Quello che ci sorprende è l’assenza di analisi dei costi vivi che avrà il servizio. E’ prevedibile che siano stati valutati sulla base di piccoli appalti preesistenti in alcune aziende ospedaliere del territorio tuttavia – aggiunge in sindacato – i 65,5 milioni di euro (+ Iva) del valore annuale rinnovabile per 3 anni crea parecchie preoccupazione. La prima sul controllo di una fase, quella del primo anno che ha tanto dello sperimentale, la seconda quella del prosieguo che mette in allarme su un servizio che peraltro potrebbe generare un enorme bacino di precari qualora non fosse reiterato il contratto. Una discrepanza enorme se si considera che la giunta Zingaretti si sta fregiando, in questo secondo mandato, di aver contribuito a sanare diverse situazioni di precariato sanitario e che proseguirà nell’intento".

"Qual è la verità? Da un lato si stabilizzano i lavoratori, dall’altra si consente l’intermediazione esterna di manodopera, da un lato si internalizzano i servizi dall’alto si favoriscono gli appalti. Chiediamo coerenza e chiarezza sulla questione e - conclude la nota Fials - facciamo appello al governatore Zingaretti di spiegare pubblicamente la strategia della Regione che si cela dietro queste decisioni. E infine chiediamo alle opposizioni di prendere una posizione sulla vicenda".