FDA approva una nuova terapia innovativa per la fibrosi cistica


  • Notizie sui farmaci - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIFA Agenzia Italiana del Farmaco

FDA approva una nuova terapia innovativa per la fibrosi cistica

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha approvato Trikafta (elexacaftor/ivacaftor/tezacaftor), la prima terapia a tripla combinazione per i pazienti con la mutazione più comune della fibrosi cistica. Trikafta è indicato per pazienti di età pari o superiore a 12 anni con fibrosi cistica che presentano almeno una mutazione F508del nel gene del regolatore di conduttanza transmembrana della fibrosi cistica (CFTR).

Trikafta è una combinazione di tre farmaci che prendono di mira la proteina CFTR difettosa, aiutando le proteine prodotte dalla mutazione del gene CFTR a funzionare in modo più efficace. Le terapie attualmente disponibili che colpiscono la proteina difettosa sono opzioni di trattamento per alcuni pazienti con fibrosi cistica, ma molti pazienti hanno mutazioni non ammissibili al trattamento. Trikafta è il primo trattamento approvato efficace per i pazienti con fibrosi cistica di età pari o superiore a 12 anni con almeno una mutazione F508del, che colpisce il 90% della popolazione con fibrosi cistica, circa 27.000 persone negli Stati Uniti.

L’efficacia di Trikafta nei pazienti con fibrosi cistica di età pari o superiore a 12 anni è stata dimostrata in due studi. Il primo studio, di 24 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, ha coinvolto 403 pazienti con mutazione F508del e una mutazione sul secondo allele che non ha prodotto né una proteina CFTR né una proteina CFTR che non risponde a tezacaftor/ivacaftor o solo ivacaftor. Il secondo studio, durato quattro settimane, randomizzato, in doppio cieco, a controllo attivo, ha coinvolto 107 pazienti con due mutazioni identiche di F508del.

In ogni studio, l’analisi primaria ha esaminato gli aumenti del volume espiratorio forzato previsto in un secondo, noto come ppFEV1, un indicatore consolidato della progressione della malattia polmonare da fibrosi cistica. Con Trikaftaha la media ppFEV1 è aumentata del 13,8% rispetto al basale rispetto al placebo e del 10% rispetto al basale rispetto a tezacaftor/ivacaftor. Nel primo studio, il trattamento con Trikafta ha anche portato a miglioramenti nel cloruro del sudore, nel numero di esacerbazioni polmonari  e nell’indice di massa corporea.

 Il profilo di sicurezza di Trikafta si basa sui dati dei 510 pazienti con fibrosi cistica nei due studi. Il profilo di sicurezza era generalmente simile in tutti i sottogruppi di pazienti. Le reazioni avverse gravi al farmaco che si sono verificate più frequentemente nei pazienti in trattamento con Trikafta rispetto al placebo sono state eventi di eruzione cutanea e influenza. Le reazioni avverse al farmaco più comuni includevano mal di testa, infezioni del tratto respiratorio superiore, dolori addominali, diarrea, eruzioni cutanee, aumento degli enzimi epatici (alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi), congestione nasale, aumento della creatina fosfochinasi nel sangue, rinorrea, rinite, influenza, sinusite e aumento della bilirubina nel sangue.

La FDA ha concesso questa revisione prioritaria dell'applicazione, oltre alla designazione di Fast Track e Breakthrough Therapy. Trikafta ha anche ricevuto la designazione di farmaco orfano, che fornisce incentivi per assistere e incoraggiare lo sviluppo di farmaci per le malattie rare.

Pubblicato il: 24 ottobre 2019

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale