FDA approva il primo farmaco per il trattamento dell’allergia alle arachidi nei bambini


  • Notizie sui farmaci - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AIFA Agenzia Italiana del Farmaco

FDA approva il primo farmaco per il trattamento dell’allergia alle arachidi nei bambini

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha approvato Palforzia  - Peanut Arachis hypogaea - Allergen Powder-dnfp - per mitigare le reazioni allergiche, inclusa l’anafilassi, che possono verificarsi con esposizione accidentale alle arachidi. Il trattamento con Palforzia può essere avviato in soggetti di età compresa tra 4 e 17 anni con una diagnosi confermata di allergia alle arachidi.

L’allergia alle arachidi è una condizione in cui il sistema immunitario identifica erroneamente come dannose anche piccole quantità di arachidi. Le reazioni allergiche sono imprevedibili nell’occorrenza e nel modo in cui si presentano, con alcuni individui che manifestano reazioni anche gravi. I sintomi fisici possono svilupparsi entro pochi secondi dall’esposizione e possono includere reazioni cutanee (ad es. orticaria, arrossamento o gonfiore), disturbi digestivi o reazioni più pericolose, come costrizione della gola e delle vie aeree e perdita del flusso sanguigno adeguato verso gli organi vitali. Gli antistaminici e l’epinefrina possono essere usati per trattare le reazioni allergiche, ma quelle gravi possono rivelarsi fatali anche con un trattamento appropriato e tempestivo. Palforzia non può essere usato per il trattamento di emergenza di reazioni allergiche, inclusa l’anafilassi.

L’efficacia di Palforzia è supportata da uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto negli Stati Uniti, in Canada e in Europa in circa 500 soggetti allergici alle arachidi.

La sicurezza del medicinale, invece, è stata valutata in due studi in doppio cieco, controllati con placebo, su circa 700 soggetti allergici. Gli effetti indesiderati più comuni sono stati dolore addominale, vomito, nausea, formicolio in bocca, prurito, tosse, irritazione della gola e senso di oppressione, orticaria, respiro sibilante e respiro corto e anafilassi.

Palforzia non deve essere somministrato a persone con asma incontrollata.

Pubblicato il: 07 febbraio 2020

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale