Fattori di rischio cardiovascolare nei medici in Ontario


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • I medici in Ontario presentano meno fattori di rischio cardiovascolare, si sottopongono a meno controlli e hanno in generale meno probabilità di andare incontro a eventi maggiori rispetto alla popolazione generale.
  • Sono necessari ulteriori studi che indaghino le cause per spiegare queste differenze.

Descrizione dello studio

  • Studio di coorte sui medici confrontati con non medici, tutti privi di malattie cardiovascolari, di età compresa tra i 40 e i 75 anni in Ontario, Canada.
  • Le coorti sono state formate a partire dal 1° gennaio 2008 e sono state seguite fino al 31 dicembre 2015. L'analisi dei dati è stata eseguita tra novembre 2017 e settembre 2019.
  • Outcome primario: insieme di morte per evento cardiovascolare, ospedalizzazione per infarto, ictus, insufficienza cardiaca, rivascolarizzazione coronarica a 8 anni.
  • Finanziamento: Ontario Ministry of Health and Long-Term Care, Canadian Institutes of Health Research, Institute of Circulatory and Respiratory Health–CIHR, Canadian Institute for Health Information, Cancer Care Ontario, Heart and Stroke Foundation of Canada

Risultati principali

  • 17.071 medici (età media, 53,3 [DS 8,8] anni; per il 70,1% uomini) e 5.306.038 non medici (età media, 53,7 [DS 9,5] anni; 48,2% uomini).
  • I medici avevano percentuali significativamente inferiori di ipertensione (16,9% vs 29,6%), diabete (5,0% vs 11,3%), abitudine al fumo (13,1% vs 21,6%), e profili di colesterolo migliori (livelli di colesterolo totale>240 mg/dL 13,3% vs 16,5%; LDL> 130 mg/dL 33,2% vs 36,8%); se aggiustate per età e sesso, queste differenze risultavano ancora più marcate.
  • I medici presentavano tassi più bassi di controlli periodici effettuati in generale (58,9% vs 67,9%), di screening dell'iperlipidemia (76,3% vs 83,8%) e screening del diabete (79,0% vs 85,3%), ma tassi più elevati di consultazioni con il cardiologo (25,2% vs 19,5%).
  • L'incidenza dell’esito primario standardizzata per sesso era di 4,4 eventi cardiovascolari maggiori per 1000 anni persona per i medici e 7,1 eventi cardiovascolari maggiori per 1000 anni persona per la popolazione generale.
  • Aggiustando per età, sesso, stato socioeconomico, rischio e comorbidità cardiache, i medici avevano un rischio inferiore del 22% (HR 0,78; IC 95%, 0,72-0,85) di sperimentare l'esito primario rispetto alla popolazione generale.

Limiti dello studio

  • Non c’è stato paragone con altre categorie professionali.
  • Possibile che i valori inferiori tra i medici siano dovuti al ruolo della loro educazione e ad altri fattori sociali che confonderebbero l'effetto.
  • Difficile generalizzazione fuori dall’Ontario.
  • Dati approssimativi sugli stili di vita.

Perché è importante

  • I medici dell'Ontario hanno risultati cardiovascolari migliori rispetto alla popolazione generale ma tale differenza non è stata completamente spiegata dai tradizionali fattori di rischio.