Farmindustria, 54 nuove cure l'anno da qui al 2025


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 4 lug. (AdnKronos Salute) - Entro il 2025 ci sarà una rivoluzione nella risposta ai bisogni di salute, con un vero e proprio 'Rinascimento dell'innovazione' nella medicina, testimoniato da un numero crescente di nuovi farmaci approvati a livello internazionale. Se tra il 2014 e il 2018 ogni anno nel mondo i nuovi medicinali sono stati in media 46, nei prossimi 5 anni saranno 54 (fonte Iqvia). E la rivoluzione in corso porterà cure sempre più mirate e cucite 'sartorialmente' sulle singole persone. A sottolinearlo è Farmindustria, riunita oggi in assemblea pubblica a Roma.

Sono 16.000 i farmaci in sviluppo nel mondo, di cui la metà in fase clinica. I medicinali personalizzati sono oltre il 40% di quelli in sviluppo e in oncologia raggiungono il 70%. Sono in aumento le Next-Generation Biotherapeutics, come le terapie cellulari, geniche e nucleotidiche, raddoppiate negli ultimi 3 anni. Nei prossimi 5 saranno quindi disponibili terapie molto promettenti: le Car-T, con cellule modificate geneticamente per combattere i tumori del sangue; le terapie combinate, basate sull'azione di più trattamenti oncologici; altre terapie geniche per sostituire geni difettosi o mancanti per la cura di malattie genetiche e terapie tissutali per rigenerare i tessuti danneggiati ripristinandone la loro funzione; trattamenti antibatterici innovativi, per colpire in modo più selettivo i batteri e contrastare le infezioni e il fenomeno della resistenza agli antibiotici. Senza dimenticare le 'digital therapeutics', vere e proprie terapie digitali, basate sull'uso di software, in combinazione con il farmaco: alcune sono già state approvate negli ultimi 2 anni dalla Fda, l'ente regolatorio Usa.

Una rivoluzione che può vedere l'Italia protagonista. Nei prossimi 5 anni, infatti, gli investimenti in R&S a livello globale dell'industria farmaceutica raggiungeranno i 1.000 miliardi di dollari. Il più grande investimento al mondo in Ricerca e Innovazione che rappresenta un'opportunità che il nostro Paese deve cogliere al meglio, segnala Farmindustria.