ESMO 2019 — I glioblastomi che causano l'ipermutazione della linea germinale potrebbero trarre beneficio dall'immuno-oncologia


  • Daniela Ovadia — Agenzia Zoe
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I glioblastomi che causano l'ipermutazione (hypermutator glioblastomas, HmGB) della linea germinale potrebbero avere una risposta duratura all'immuno-oncologia (IO).

Perché è importante

  • Il glioblastoma è un tumore freddo, solo l'11% presenta linfociti rilevati.
  • Sperimentazione di fase 3 su glioblastomi recidivanti nei quali nivolumab non ha prolungato la sopravvivenza.

Disegno dello studio

  • Analisi retrospettiva, indipendente, di pazienti tra il 2012 e il 2018 presso un singolo centro (MD Anderson).
  • Sono stati identificati 312 gliomi analizzati con sequenziamento di prossima generazione.
  • Gli HmGB erano definiti come carico mutazionale del tumore di 30 o più mutazioni per megabase, oppure mutazioni nella riparazione del mismatch (mismatch repair, MMR) oppure nei geni della DNA polimerasi.

Risultati principali

  • L'IO sembra essere inefficace negli HmGB con mutazioni somatiche, indipendentemente dall'esordio della diagnosi o dal fenotipo. Tuttavia, gli HmGB della linea germinale potrebbero avere risposte durature all'IO.
  • 30 (9,6%) pazienti avevano HmGB. Di questi, 9 (30%) ha ricevuto IO.
  • Gli HmGB sono stati riscontrati come diagnosi iniziale in 5 (56%) casi, il resto dopo trattamento con temozolomide (TMZ).
  • Solo 1 paziente presentava mutazione MMR della linea germinale (sindrome di Lynch).
  • 8 pazienti HmGB hanno ricevuto inibitori del checkpoint (checkpoint inhibitors, CPI) o terapia cellulare (cellule T o cellule NK) dopo TMZ, solo 1 paziente ha ricevuto CPI alla diagnosi iniziale.
  • Negli HmGB con mutazioni somatiche, la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) dalla diagnosi iniziale era di 39 mesi. La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) era di 72 giorni.
  • La PFS dopo TMZ, CPI e terapie cellulari era rispettivamente di 51, 41 e 175 giorni, mentre la PFS negli HmGB di nuova diagnosi era di 96 giorni.
  • Dose media cumulativa di pembrolizumab: 720 mg a paziente.
  • Il paziente con HmGB della linea germinale riceve ancora pembrolizumab ed è l'unico con malattia stabile da oltre 16 mesi.
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Studio monocentrico; campione limitato.