ESMO 2018 – Terapia tripla come trattamento di prima linea del melanoma avanzato BRAF-mutante: la combinazione è importante


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Rispetto al placebo (PBO), l'anticorpo anti-PD1 pembrolizumab (pembro) in associazione con dabrafenib (D) e trametinib (T) ha migliorato numericamente la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e la durata della risposta (DOR) nel trattamento di prima linea del melanoma avanzato BRAF-mutante.

Perché è importante

  • Il trattamento con inibitori di BRAF favorisce l'espressione di PD-1 e PD-L1 nei pazienti con melanoma BRAF-mutante.
  • La combinazione pembro+D+T ha mostrato una promettente attività antitumorale e una tollerabilità accettabile nella fase 1 di KEYNOTE-022.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano è stato di 9,6 mesi per entrambi i gruppi.
  • La combinazione pembro+D+T ha migliorato numericamente la PFS rispetto al placebo (rispettivamente 16,0 vs 10,3 mesi; HR 0,66; P=0,04287), anche se i risultati non sono ancora statisticamente significativi come richiesto dal design dello studio.
  • I tassi di PFS a 12 mesi erano rispettivamente del 59% vs 45%.
  • Il DOR ha raggiunto 18,7 vs 12,5 mesi, con un maggior numero di risposte ≥18 mesi nei pazienti trattati con pembro+D+T (60% vs 28% con PBO).
  • Le percentuali di sopravvivenza globale (OS) a 12 mesi sono state 80% vs 73%.
  • Le percentuali più elevate di eventi avversi sono state osservate nel braccio pembro: la maggior parte di essi sono stati gestiti interrompendo la terapia o riducendo la dose.

Disegno dello studio

  • Sono stati riportati i risultati di uno studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco (KEYNOTE-022 Parte 3).
  • 120 pazienti con melanoma BRAFV600E/K-mutante di stadio III/IV non trattato in precedenza sono stati randomizzati a ricevere pembro+D+T (n=60) o PBO+D+T (n=60).
  • L'endpoint primario era la PFS mentre gli endpoint secondari includevano ORR, DOR e OS.
  • I requisiti di rilevanza per scartare l'ipotesi nulla all'errore di tipo 1 0,025 a coda erano ∼74 eventi PFS per forza 80%; HR osservato ≤0,62.
  • Finanziamento: Merck & Co., Inc.

Limiti

  • Numero limitato di pazienti e breve follow-up.

Commento dell’esperto

"Questi risultati confermano che la combinazione è importante nel melanoma avanzato. A questo punto dobbiamo sforzarci di identificare il sottogruppo di pazienti per i quali la combinazione è più importante, per arrivare ad una medicina veramente personalizzata." Reinhart Dummer. University Hospital Zurigo, Svizzera.