ESMO 2018 – Carboplatino+paclitaxel salutati come nuovo standard di cura del carcinoma anale avanzato


  • Jo Whelan
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Carboplatino+paclitaxel (CP) dovrebbero essere considerati come nuovo standard di cura per il trattamento di prima linea del carcinoma anale avanzato.

Perché è importante

  • Attualmente non esiste alcuno standard di cura basato su evidenze nel carcinoma anale avanzato: questo è il primo studio controllato randomizzato in questo ambito.
  • Il carcinoma anale è raro, ma l'incidenza è in aumento.

Risultati principali

  • La sopravvivenza globale (OS) è stata significativamente più lunga con CP (mediana 20 mesi, vs 12,3 mesi per cisplatino/5-FU, hazard ratio HR 2,0, P=0,014).
  • CP ha presentato un profilo di tossicità più favorevole: una tossicità di grado ≥3 si è presentata nel 71% e 76% rispettivamente con CP e cisplatino/5-FU. Un numero significativamente inferiore di pazienti ha avuto eventi avversi con CP (36% vs 62%, P=0,016).
  • Il tasso di risposta è stato simile tra i gruppi (59% per CP e 57% per cisplatino/5-FU), e non vi è stata una differenza significativa nella sopravvivenza libera da progressione (PFS). Il crossover e le differenze di trattamento successivo allo studio non sembrano aver contribuito alla diversa OS.
  • La durata mediana del trattamento e l'intensità della dose relativa sono stati simili tra i gruppi (mediana 4,5 e 6 cicli rispettivamente per CP e cisplatino/5-FU).

Disegno dello studio

  • I pazienti sono stati randomizzati in rapporto 1:1 a cisplatino più 5-fluorouracile (5-FU; n=46), o carboplatino più paclitaxel settimanale (n=45).
  • Si è trattato di uno studio pragmatico di fase 2 di ‘trova il cavallo vincente" condotto dall'International Rare Cancers Initiative (IRCI). L'endpoint primario è stato il tasso di risposta.
  • I pazienti avevano carcinoma anale a cellule squamose metastatico o inoperabile localmente recidivo, e non avevano ricevuto alcun precedente trattamento sistemico per malattia avanzata.
  • 35 pazienti erano valutabili nel braccio cisplatino-5FU e 39 nel braccio carboplatino-paclitaxel.

Limiti

Studio pragmatico condotto su un numero limitato di pazienti.

Commento

L'invitato alla discussione Claus-Henning Koehne, di Oldenburg, Germania, ha rilevato i limiti dello studio. Tuttavia, “Personalmente sceglierei carboplatino+paclitaxel se avessi un paziente con questa malattia,” ha commentato. L'aggiunta di nuovi agenti può forse migliorare ulteriormente i risultati.