Esistono pregiudizi diagnostici basati sul colore della pelle in dermatologia

  • Krueger L & al.
  • Int J Dermatol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I tassi di accuratezza diagnostica e le raccomandazioni accurate per la biopsia degli specializzandi in dermatologia e dei dermatologi sono notevolmente inferiori nel caso dei pazienti di colore rispetto ai pazienti caucasici.

Perché è importante

  • I dermatologi devono riconoscere che esistono pregiudizi diagnostici basati sul colore della pelle e lavorare per eliminarli.

Disegno dello studio

  • 144 specializzandi in dermatologia e dermatologi hanno partecipato a un’indagine per determinarne le capacità decisionali cliniche nella valutazione delle patologie cutanee di pazienti con pelle più chiara rispetto a pazienti con pelle più scura.
  • L’80% degli intervistati ha completato l’indagine ed è stato incluso nell’analisi.
  • Finanziamento: Rudin Resident Research Award.

Risultati principali

  • I partecipanti hanno evidenziato una probabilità leggermente maggiore di raccomandare una biopsia ai pazienti con pelle più scura (OR=1,18; P=0,054).
  • AI pazienti con tipi di pelle più scura è stata raccomandata una biopsia per neoplasie benigne con una probabilità significativamente maggiore rispetto ai pazienti con tipi di pelle più chiara (OR=2,57; P<0,0001).
  • La probabilità di raccomandazione di una biopsia per neoplasie maligne è risultata inferiore nei pazienti con pelle di colore (OR=0,42; P<0,0001).
  • È risultato molto più probabile che l’eziologia corretta non fosse identificata nella diagnosi dei pazienti con tipi di pelle più scura, anche dopo correzione per gli anni di esercizio come dermatologo (OR=0,569; p<0,0001).

Limiti

  • Mancanza di una coorte più ampia e più diversificata di partecipanti.