ESC 2022 — Una piccola frazione dei sintomi muscolari è attribuita alla terapia con statine

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La collaborazione dei partecipanti a sperimentazioni sul trattamento del colesterolo (Colesterol Treatment Trialists, CTT) ha indicato che il trattamento con statine a intensità bassa/moderata è associato a un piccolo aumento del rischio di sintomi muscolari; il rischio è maggiore solo nel primo anno dopo l’inizio della terapia.

Perché è importante

  • Le statine riducono l’incidenza di infarto miocardico e di ictus ischemico.
  • Sintomi muscolari associati alle statine (statin-associated muscle symptoms, SAMS), come lieve dolore muscolare, sono riportati frequentemente, sebbene non causino danni muscolari.
  • I sintomi muscolari preoccupano sia i pazienti che i medici, principalmente a causa di evidenze basate su studi non randomizzati.

Disegno dello studio

  • È stata eseguita una metanalisi di 23 sperimentazioni in doppio cieco.
  • Tutte le sperimentazioni hanno incluso ≥1.000 pazienti e prevedevano ≥2 anni di trattamento programmato.
  • Sono stati raccolti dati sugli eventi avversi di tutti i partecipanti di 19 sperimentazioni che hanno confrontato l’effetto delle statine con quello del placebo (n=123.940) e di quattro sperimentazioni che hanno confrontato un regime di statine più intensivo con un regime meno intensivo (n=30.724).
  • Finanziamento: British Heart Foundation, Medical Research Council e Australian National Health and Medical Research Council.

Risultati principali

  • La prima segnalazione di dolore o debolezza muscolare è risultata leggermente più alta nel gruppo trattato con statine rispetto al gruppo placebo (rapporto dei tassi [RR]=1,03; IC 95%, 1,01–1,06).
  • Durante il 1º anno di trattamento è stato osservato un aumento relativo del 7% delle prime segnalazioni di dolore o debolezza muscolare nel gruppo trattato con statine rispetto al gruppo placebo (RR=1,07; IC 95%, 1,04–1,10), con un tasso di eccesso assoluto di 11 segnalazioni/1.000 anni-persona, a indicare che la maggioranza (~93%) dei sintomi muscolari osservati durante il primo anno di terapia con statine non è stata attribuita alle statine.
  • Dopo il primo anno le segnalazioni di dolore o debolezza muscolare non sono più risultate significativamente maggiori nel gruppo trattato con statine (RR=0,99; IC 95%, 0,96–1,02).
  • È stato osservato un aumento relativo del 9% (RR=1,09; IC 95%, 1,03–1,16) dei sintomi muscolari con un regime di statine ad alta intensità rispetto a un aumento relativo del 3% (RR=1,03; IC 95%, 1,00–1,05) con i regimi di statine standard a intensità bassa/moderata.
  • Il rischio di sintomi muscolari è risultato molto più elevato durante il primo anno con un regime di statine ad alta intensità (RR=1,11; IC 95%, 1,03–1,20); questa tendenza è continuata dopo il 1º anno (RR=1,06; IC 95%, 0,97–1,16).
  • I regimi con statine a intensità bassa e moderata hanno determinato un aumento del 6% dei sintomi muscolari nel primo anno (RR=1,06; IC 95%, 1,03–1,10), senza alcun aumento successivamente (RR=0,98; IC 95%, 0,95–1,02).
  • È stato osservato un piccolo aumento del valore mediano della creatinchinasi.
  • L’aderenza è risultata paragonabile nei pazienti con o senza sintomi muscolari (dati di uno studio).
  • I benefici cardiovascolari superano il rischio di sintomi muscolari.

Limiti

  • Non erano disponibili dati completi sull’interruzione del trattamento.
  • I criteri per la segnalazione degli eventi avversi per i sintomi muscolari erano eterogenei.

Il commento degli esperti

Il 29 agosto 2022 alle 14:00 CEST, l‘autore dello studio, il Prof. C. Baigent, Direttore dell’Unità di ricerca sulla salute della popolazione del Medical Research Council dell’Università di Oxford, Regno Unito, ha dichiarato in un comunicato stampa relativo alla conferenza stampa dell’ESC che “Per la maggior parte delle persone che assumono una statina, gli eventuali sintomi muscolari lamentati probabilmente non sono causati dal farmaco. I noti effetti protettivi delle statine contro le malattie cardiovascolari superano notevolmente il rischio leggermente aumentato di sintomi muscolari. Ad esempio, per ogni 1.000 persone che assumono una statina di intensità moderata, il trattamento causerebbe 11 episodi generalmente lievi di dolore o debolezza muscolare nel primo anno, senza alcun eccesso significativo negli anni successivi. Nell’arco di un periodo di cinque anni le statine prevengono tipicamente 50 eventi vascolari maggiori nei soggetti con malattia vascolare preesistente e 25 eventi vascolari maggiori nei soggetti senza malattia vascolare preesistente; un trattamento più lungo produce benefici maggiori”.