Esacerbazioni di asma: serve maggiore appropriatezza prescrittiva degli antibiotici


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In pazienti ricoverati per esacerbazioni della malattia asmatica la somministrazione di antibiotici non si associa a un miglior esito.
  • La terapia antibiotica aumenta invece la lunghezza del ricovero e i costi ospedalieri, oltre ai rischi di diarrea da antibiotico.
  • Servono strategie efficaci per ridurre l’utilizzo non appropriato di antibiotici in questa popolazione.

Descrizione dello studio

  • Lo studio retrospettivo di coorte si è basato sui dati di 19.811 adulti ricoverati per esacerbazione dell’asma e trattati con corticosteroidi sistemici in 542 ospedali per acuti negli Stati Uniti
  • Nell'analisi è stato valutato il trattamento antibiotico precoce definito come una terapia iniziata durante i primi 2 giorni di ricovero e prescritta per almeno 2 giorni.
  • L’esito primario era la lunghezza della degenza ospedaliera.
  • Altre misure di esito comprendevano fallimento della terapia entro 30 giorni dalla dimissione, costi ospedalieri e diarrea legata all’antibiotico.

Risultati principali

  • Tra i partecipanti, l’età media era di 46 anni, il 72,6% erano donne, il 44,3% bianchi e nel 25,8%. Medicare era la forma primaria di assicurazione sanitaria.
  • A 8.788 pazienti (44,4%) è stata prescritta terapia antibiotica.
  • Rispetto ai pazienti non trattati con antibiotico, quelli sottoposti a terapia erano più anziani, avevano maggiori probabilità di essere bianchi e fumatori e presentavano un maggior numero di comorbilità.
  • La lunghezza della degenza è risultata maggiore per i pazienti trattati con antibiotici rispetto a quelli non trattati (mediana: 4 vs 3 giorni), mentre i tassi di fallimento del trattamento sono risultati simili (5,4% vs 5,8%).
  • Nell’analisi con match per propensity score, ricevere un antibiotico è risultato associato a una degenza ospedaliera del 29% più lunga (rapporto della lunghezza della degenza: 1,29) e a costi di ricovero più elevati (costo mediano: $ 4.776 vs $ 3.641), ma senza differenze nel rischio di fallimento del trattamento (OR: 0,95; IC 95%: 0,82-1,11).
  • Risultati simili sono stati ottenuti con tutte le metodologie di analisi utilizzate.

Limiti dello studio

  • Lo studio osservazionale non ha permesso di dimostrare un legame di causalità.
  • Non erano disponibili misure fisiologiche della gravità di malattia, né precedenti risultati di test sulla funzionalità polmonare.
  • La scelta della popolazione potrebbe determinare problemi nella generalizzabilità dei risultati.

Perché è importante

  • L’asma è una delle patologie respiratorie più comuni e le esacerbazioni della patologia sono spesso causa di accessi in pronto soccorso e ricoveri in ospedale.
  • Le linee guida in genere scoraggiano l’uso di terapia antibiotica empirica nell’esacerbazione di malattia, ma la somministrazione di antimicrobici resta alta in USA e in molti altri paesi.
  • Per ridurre l’utilizzo inappropriato di antibiotici è fondamentale capire quali sono rischi e benefici di questo trattamento.