ERS 2020 — Efficacia nel mondo reale di benralizumab per l’asma eosinofila grave


  • Pavankumar Kamat
  • Conference Reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I risultati preliminari di uno studio nel mondo reale indicano che benralizumab riduce significativamente i tassi di esacerbazione nei pazienti con asma eosinofila grave (severe eosinophilic asthma, SEA), compresi quelli affetti da rinosinusite cronica con polipi nasali (chronic rhinosinusitis with nasal polyps, CRwNP). 

Perché è importante

  • Sebbene la sicurezza e l’efficacia di benralizumab siano state stabilite in sperimentazioni di fase 3, i dati nel mondo reale sono limitati.

Disegno dello studio

  • Analisi ad interim (n=61) dello studio multicentrico retrospettivo ANANKE che valuta le caratteristiche cliniche e le esacerbazioni dell’asma di pazienti affetti da SEA trattati con benralizumab per 12 settimane.
  • La durata mediana del follow-up era di 9,3 mesi (intervallo interquartile: 6,1-11,7 mesi). 
  • I tassi annualizzati di esacerbazioni (annualized exacerbation rate, AER) sono stati valutati prima e dopo la prima iniezione di benralizumab (data indice). 
  • Finanziamento: AstraZeneca.

Risultati principali

  • Il 34,4% dei pazienti aveva avuto CRwNP nell’ultimo anno.
  • L’AER era 4,98 per qualsiasi esacerbazione e 1,25 per le esacerbazioni gravi nell’anno precedente la data indice.
  • Al follow-up, l’AER è diminuito a 0,38 per qualsiasi esacerbazione (riduzione del 92,4%) e a 0,08 per le esacerbazioni gravi (riduzione del 93,6%).

Limiti

  • Lo studio è in corso.
  • Disegno retrospettivo.