Epidemia di virus Ebola nella RDC: aprile-maggio 2018


  • The Lancet
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Informazioni generali

L’8 maggio 2018, il governo della Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha segnalato un’epidemia di malattia da virus Ebola nella provincia di Équateur, nella parte nordoccidentale del Paese. La posizione remota delle comunità maggiormente colpite e il coinvolgimento di un centro urbano collegato alla capitale e ai Paesi confinanti rende questa epidemia la più complessa e ad alto rischio mai verificatasi nella Repubblica Democratica del Congo. Si presentano le prime informazioni epidemiologiche risultanti dalle ricerche in corso su questa epidemia.

Metodi

I casi sono stati classificati come sospetti, probabili o confermati utilizzando le definizioni di caso nazionali del Ministero della Salute Pubblica congolese. I casi sono stati studiati tutti, al fine di ottenere le caratteristiche demografiche, determinare le possibili esposizioni, descrivere segni e sintomi, ed identificare i contatti da seguire per 21 giorni. Inoltre, sono stati stimati il numero di riproduzione e il numero previsto di casi per il periodo di 4 settimane dal 25 maggio al 21 giugno 2018.

Risultati

A partire dal 30 maggio 2018, nella Repubblica democratica del Congo sono stati segnalati 50 casi (37 confermati, 13 probabili) di infezione da Zaire ebolavirus. 21 casi (42%) sono stati segnalati a Bikoro, 25 (50%) a Iboko e quattro (8%) nelle zone sanitarie di Wangata. Wangata è parte di Mbandaka, la capitale della provincia di Équateur, che è collegata a importanti vie di trasporto nazionali ed internazionali. Al 30 maggio 2018, erano stati segnalati 25 decessi per malattia da virus Ebola, con un rapporto di letalità pari al 56% (IC al 95%, 39–72) dopo la rettifica per censura. Tale rapporto di letalità è coerente con le stime per l’epidemia della malattia da virus Ebola dell’Africa occidentale nel periodo 2014–16 (p=0,427). La mediana dell’età delle persone con infezione confermata o probabile era di 40 anni (intervallo 8-80) e 30 soggetti (60%) erano di sesso maschile. I segni e i sintomi più comunemente segnalati nelle persone con malattia da virus Ebola confermata o probabile erano febbre (40 casi [95%] su 42), intensa stanchezza generale (37 casi [90%] su 41) e perdita dell’appetito (37 casi [90%] su 41). Sono stati frequentemente segnalati sintomi gastrointestinali e in 14 persone (33%) su 43 sono stati riportati segni emorragici. Il tempo dall’esordio della malattia e il ricovero all’analisi dei campioni è diminuito col passare del tempo. Al 30 maggio 2018, erano stati identificati 1458 contatti, di cui 746 (51%) sono rimasti in follow-up attivo. Il numero stimato di riproduzione era 1,03 (intervallo di credibilità al 95% 0,83–1,37) e, ipotizzando una trasmissibilità di tipo eterogeneo, per l’epidemia è prevista un’incidenza cumulativa di casi al 21 giugno 2018 pari a 78 casi confermati (37–281).

Interpretazione

L’epidemia di virus Ebola in corso nella Repubblica Democratica del Congo presenta caratteristiche epidemiologiche simili a quelle delle precedenti epidemie di malattia da virus Ebola. La diagnosi precoce, il tempestivo isolamento del paziente, l’individuazione dei contatti e il programma di vaccinazione in corso dovrebbero controllare adeguatamente l’epidemia. Se la situazione epidemiologica non varia, la previsione del numero di casi non eccede l’attuale capacità di risposta. Le informazioni presentate, sebbene preliminari, sono state fondamentali per orientare le ricerche in corso e la risposta a questa epidemia.

Finanziamento

nessuno.