Enpam, fake news su buco ente, nuova condanna a società consulenza


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 31 lug. (AdnKronos Salute) - "Inesistente il buco dell'ente di previdenza dei medici e degli odontoiatri (Enpam). La società Sri Capital Advisers di Giulio Gallazzi è stata di nuovo condannata in relazione a una fake news sui conti dell'Enpam. La Sri nel 2010-2011 aveva realizzato e divulgato una consulenza in cui sosteneva che l’ente di previdenza rischiava un buco da oltre un miliardo di euro. All’epoca la notizia fece scalpore sui media e creò scompiglio all’interno della categoria dei medici e degli odontoiatri". Lo riferisce l'Enpam in una nota.

L’Enpam - ricostruisce la nota - per bocca dell’allora vicepresidente vicario Alberto Oliveti, reagì definendo le affermazioni 'infondate e allarmistiche' e qualificando l’analisi della società di consulenza come 'superficiale'. "Sri Capital Advisers rispose con una querela penale (archiviata) e con una causa per diffamazione contro Enpam e Oliveti, chiedendo 100 milioni di euro di risarcimento. A otto anni di distanza dai fatti, la Corte d’appello di Roma (prima sezione civile) non solo ha mandato in fumo le pretese di Sri ma ha anche condannato la società di Gallazzi a pagare le spese legali all’ente di previdenza e a Oliveti. La sentenza conferma quella di primo grado. A seguito del doppio grado di giudizio la somma che Sri dovrà pagare ammonta a oltre 200 mila euro", spiega ancora la nota.

Lo scorso marzo, inoltre, "la terza sezione della Corte d’appello di Roma aveva giudicato Sri Capital Advisers responsabile di grave inadempienza contrattuale e violazione degli obblighi di riservatezza e aveva condannato la società a pagare all’Enpam altri 134mila euro. Per la società di Giulio Gallazzi, attualmente nel Cda di Mediaset e assurto alle cronache per aver tentato di comprare il Genoa, il conto totale da saldare supera dunque i 300mila euro", informa ancora l'Enpam.