#eleggistofoglio, campagna su uso consapevole rivolta ai giovani

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 26 mag. (Adnkronos Salute)() - Tre video social con un messaggio chiaro diretto a tutti i coetanei: usare i farmaci in maniera consapevole ed educare gli adolescenti ad un uso appropriato, evitando situazioni di abuso che potrebbero innescare meccanismi di emulazione o dipendenza. E’ questo l’obiettivo del progetto, promosso da Farmindustria e Federsanità - presentato oggi al liceo scientifico Cannizzaro di Roma, uno dei istituti coinvolti - finalizzato a far conoscere i farmaci, la loro somministrazione, le regole del corretto utilizzo, le interazioni. L’hashtag che accompagna il progetto di educazione sanitaria è “#eleggistofoglio” con un invito diretto e semplice a leggere il cosiddetto bugiardino o foglietto illustrativo.

“Un progetto che abbiamo fortemente voluto insieme Federsanità-Anci - ha affermato il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi - per avvicinare le nuove generazioni alle scienze della vita ai temi della salute e della prevenzione e all’importanza dell’uso corretto dei farmaci. E quanto sia importante la salute, lo abbiamo visto chiaramente con la pandemia da Covid-19. Ecco perché è fondamentale portare nelle scuole un messaggio educativo su questo tema".

"Un ruolo di primo piano - prosegue Scaccabarozzi - è svolto proprio dalle imprese del farmaco. Un settore altamente tecnologico, che vive di ricerca e di innovazione, di idee nuove, entusiasmo e coraggio. Per questo - conclude - puntiamo molto sui giovani. E lo dimostra la crescita dell’occupazione negli ultimi 5 anni del 13% degli under 35, tra cui molte donne, con contratti in oltre l’80% dei casi a tempo indeterminato. Le nuove generazioni ci stanno a cuore perché alimentano il nostro futuro, che non può prescindere dalla salute e dalla prevenzione, ricerca e nuove competenze per lavoro di qualità”.

Sono tre gli istituti secondari superiori coinvolti: il liceo scientifico Cannizzaro di Roma, l’Istituto tecnico e Liceo scientifico B. Pascal di Roma e l’Istituto Pertini di Alatri. Nel corso di circa due anni gli studenti hanno lavorato progettando dei video divulgativi nell’ambito del progetto di alternanza scuola lavoro del triennio 2018-2021.

"Se fino a qualche tempo fa per avere informazioni relative alla salute ci si rivolgeva al proprio medico, oggi non è più così: è possibile accedere all'informazione in maniera incontrollata. Se il web è un'opportunità sotto tanti punti di vista, da altri, e specialmente in materia di salute, rischia di trasformarsi in un pericolo in assenza di una coscienza critica", ha spiegato Tiziana Frittelli, presidente nazionale di Federsanità e Dg dell’Ao San Giovanni di Roma.

"Per questo abbiamo deciso di lavorare con i ragazzi in un progetto di educazione sanitaria, coinvolgendoli in un'azione che lì vedesse protagonisti e, quindi, primi divulgatori di un messaggio e di una corretta informazione. I ragazzi oggi sono un volano per la diffusione di messaggi e usare il loro linguaggio, i loro canali di comunicazione, i loro strumenti digitali è la strada per condividere in maniera efficace informazioni, azioni, progetti con la certezza di aver partecipato ad un percorso che li renderà adulti consapevoli e divulgatori di buona salute e sani stili di vita", conclude.