ELCC 2019 - I dati aggregati delle sperimentazioni KEYNOTE confermano la sicurezza e l'efficacia di pembrolizumab nei pazienti anziani con NSCLC


  • Michael Simm
  • Oncology Conference reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

La sopravvivenza complessiva nei pazienti anziani con tumore del polmone non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) avanzato favoriva quelli che ricevevano pembrolizumab rispetto alla chemioterapia e ha prodotto meno effetti avversi correlati al trattamento, in particolare di grado 3-5.

Perché è importante

Gli anziani rappresentano all'incirca il 70% dei casi totali di tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) di nuova diagnosi. Nelle sperimentazioni cliniche sulla sicurezza e l'efficacia delle immunoterapie, questa popolazione è stata sottorappresentata, quindi i risultati potrebbero non essere applicabili al loro caso.

Disegno dello studio

I risultati in termini di sicurezza ed efficacia di 264 pazienti anziani di età ≥75 anni e trattati con l'anticorpo anti-PD-L1 pembrolizumab per l'NSCLC avanzato sono stati raggruppati dagli studi KEYNOTE-010, KEYNOTE-024 e KEYNOTE-042. Tutti i pazienti presentavano un punteggio percentuale del tumore per PD-L1 almeno dell'1% e la metà presentava un punteggio di percentuale del tumore (Tumor Proportion Score, TPS) del 50% o superiore.

Risultati principali

  • La sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) per i pazienti anziani favoriva quelli che ricevevano pembrolizumab rispetto alla chemioterapia tradizionale (rapporto di rischio [hazard ratio, HR]: 0,76, intervallo di confidenza [IC] al 95%: 0,56-1,02. La differenza era significativa per i pazienti con un TPS ≥50% (HR: 0,40; IC: 0,25–0,64).
  • Confrontando l'OS a un anno tra i pazienti anziani e più giovani, lo studio ha rilevato tassi molto simili. Questi erano del 61,7% vs. 61,7% nei soggetti con un TPS ≥50% e del 53,7% vs. 54,9% nei soggetti con TPS ≥1%.
  • Il profilo di sicurezza di pembrolizumab era simile nei pazienti di età ≥75 anni e

Limite

L'analisi si basava su singoli studi che escludevano gli anziani fuori forma, quindi la conclusione potrebbe valere solo per quelli in forma.

Finanziamento

Merck Sharp & Dohme Corp.