Efficacia e sicurezza delle statine nel paziente anziano


  • Notizie sui farmaci - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

AMD Gruppo ComunicAzione

Efficacia e sicurezza delle statine nel paziente anziano

A cura di Marcello Monesi

4 marzo 2019 (Gruppo ComunicAzione) – La terapia con statine è senza dubbio uno dei capisaldi della prevenzione: robuste evidenze ne confermano il ruolo nella riduzione degli eventi e della mortalità cardiovascolare (CV).

Resta ancora oggetto di controversie il ruolo della terapia ipolipemizzante nei soggetti in età avanzata: se è vero che le linee-guida suggeriscono l’impiego di statine nei soggetti di età superiore ai 75 anni, in quanto l’età avanzata si correla fortemente con il rischio CV: tuttavia in questa fascia di età mancano ancora univoche evidenze a supporto di una effettiva prevenzione CV associata a tali farmaci.

Un recente studio osservazionale retrospettivo (1) ha evidenziato un beneficio, in termini di riduzione degli eventi CV e della mortalità per tutte le cause, nei pazienti di età compresa tra i 75 e gli 84 anni solo negli affetti da diabete, mentre nei non diabetici non vi era differenza significativa rispetto al gruppo di controllo.

Una recentissima metanalisi, pubblicata su Lancet (2), apporta nuovi dati in merito: in questo studio i ricercatori hanno analizzato dati provenienti da 28 importanti RCT (randomised controlled trial) con almeno 1000 pazienti trattati per 2 anni, sulle statine, comprendenti un totale di circa 187.000 pazienti, di cui 14.500 di età uguale o superiore ai 75 anni. La durata media della terapia era di 5 anni.

L’analisi dei dati sulla popolazione in prevenzione primaria e secondaria combinata ha confermato il beneficio associato all’utilizzo delle statine in tutti i gruppi di età: alla riduzione di 1 mmol/l (38,7 mg/dl) dei livelli plasmatici di colesterolo LDL si è associato un calo degli eventi CV maggiori del 22% nei soggetti di età

In attesa di ulteriori risultati provenienti da RCT attualmente in corso, la cui conclusione è attesa nel 2022, gli autori commentano che la terapia con statine può conferire protezione al paziente anziano con rischio CV “sufficientemente alto”. Ai fini della decisione terapeutica appare quindi imprescindibile la personalizzazione del profilo di rischio.


- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione Riservata