Effetti a lungo termine Covid, al via progetto sorveglianza coordinato da Iss

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 9 feb. (Adnkronos Salute) - Monitorare gli effetti a lungo termine dell’infezione da SarS-CoV2, per accrescerne le conoscenze e per uniformarne l’approccio e la gestione clinica a livello nazionale. E’ questo lo scopo del progetto Ccm, finanziato dal ministero della Salute “Analisi e strategie di risposta agli effetti a lungo termine dell’infezione Covid-19 (Long-Covid)", di cui l’Istituto superiore di sanità (Iss) è capofila, che viene presentato oggi, nel webinar “Long Covid: pronti a fronteggiare l’impatto presente e futuro della pandemia?”, organizzato online dall’Iss.

"Ormai sappiamo che se a distanza di quattro settimane dall’infezione e nonostante la negatività del test, i sintomi persistono - afferma Silvio Brusaferro, presidente Iss - ci troviamo di fronte a una condizione che oggi viene inquadrata come Long-Covid, sulla quale le conoscenze sono tuttora oggetto di numerose indagini. E e in tale prospettiva di approfondimento va inquadrato questo progetto. L’iniziativa, lanciata dal ministero, mira a dimensionare, riconoscere e affrontare questa condizione, attraverso l’istituzione di una rete nazionale di sorveglianza, una mappa di centri clinici collegati tra loro e capaci di condividere 'buone pratiche'", dettaglia Brusaferro.

"Stanchezza, a volte anche mentale (ovvero problemi di memoria e difficoltà a concentrarsi), perdita di olfatto e gusto, ma anche cefalea e stress insieme a difficoltà cardio-respiratorie e molto altro. Sono questi alcuni dei sintomi persistenti associati al Covid-19, anche a guarigione avvenuta che fanno parlare di Long-Covid", spiega Graziano Onder, direttore del Dipartimento Malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell’invecchiamento dell’Iss, coordinatore del progetto. "Non è ancora chiaro se tutto ciò sia conseguenza di un danno causato ‘a monte’ dal virus contro questo o quell’organo, o dalla risposta immunitaria innescata sempre dal virus ma poi 'deviata' contro organi e tessuti. Il progetto che oggi presentiamo ci aiuterà innanzitutto ad aumentare le nostre conoscenze sul fenomeno, base da cui partire per trattamenti più mirati, oltre che omogenei”.

Il progetto coinvolge per due anni una serie di enti in tre Regioni (Friuli Venezia Giulia, Toscana, Puglia) - Ars Toscana, Aress Puglia, Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale, Rete delle Neuroscienze e neuroriabilitazione (rete degli Irccs), Rete Aging (rete degli Irccs), Associazione rete cardiologica (rete degli Irccs), Università Cattolica del Sacro Cuore.

E viene declinato in cinque obiettivi specifici: definire le dimensioni del fenomeno Long-Covid, attraverso un’analisi dei flussi di dati regionali e di quelli dei medici di medicina generale; definire numero, caratteristiche e distribuzione sul territorio nazionale dei centri Long-Covid. Al riguardo, l’Iss effettuerà un censimento dei centri di diagnosi e assistenza al Long-Covid attraverso l’utilizzo delle reti già esistenti (Irccs e reti degli ospedali che già partecipano alla sorveglianza dei decessi Covid-19 coordinata dall’Iss), e attraverso le regioni coinvolte nel progetto; definizione di buone pratiche in tema di Long-Covid, con l’obiettivo di garantire protocolli diagnostici e di trattamento omogenei e uniformare i servizi forniti sul territorio nazionale.

E ancora: sorveglianza Long-Covid. Un vero e proprio sistema di sorveglianza da costruire attraverso data set di informazioni, centri clinici, sviluppo di una piattaforma informatica, produzione di report periodici; Strutturazione della rete nazionale: le informazioni raccolte nell’ambito del censimento prevedono la richiesta di disponibilità a partecipare a un network nazionale, con workshop o webinar periodici di informazione e aggiornamento.