eBCa: il trattamento di 1 anno con trastuzumab è migliore di cicli più brevi secondo una metanalisi

  • Chen L & al.
  • Cancer Treat Rev
  • 28/02/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • La terapia di 1 anno con trastuzumab prolunga la sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) rispetto a cicli più brevi secondo una metanalisi di pazienti con carcinoma mammario allo stadio iniziale (early breast cancer, eBCa) positivo per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide umano 2.
  • Le pazienti sottoposte a terapia con trastuzumab di durata inferiore presentano un tasso di eventi cardiaci inferiore del 48%.

Perché è importante

  • Il trattamento di 1 anno con trastuzumab dovrebbe rimanere lo standard di cura, ma terapie di durata inferiore possono rappresentare un’alternativa per le pazienti con cardiopatie e per le pazienti con un rischio inferiore di recidiva.

Disegno dello studio

  • Metanalisi di 6 sperimentazioni randomizzate e controllate (n=11.496) dopo una ricerca su Medline, EMBASE e Cochrane Library.
  • Sono state incluse le sperimentazioni PHARE e PERSEPHONE.
  • Le sperimentazioni di durata inferiore erano di 6 mesi o di 9–12 settimane.
  • Finanziamento: Natural Science Foundation della Provincia di Guangdong, Cina.

Risultati principali

  • La terapia con trastuzumab della durata di 1 anno era associata a DFS (HR: 1,13; P=0,01) e OS (HR: 1,16; P=0,03) migliori rispetto a cicli più brevi.
  • Il trattamento di 1 anno con trastuzumab e chemioterapia concomitante era legato a un miglioramento del 22% della DFS (HR: 1,22; P=0,0008; P=0,02 per l’interazione) rispetto a una terapia con trastuzumab di durata inferiore.
  • Il trattamento con trastuzumab di durata più breve era associato a meno eventi cardiaci (OR: 0,52; P

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi.
  • Piccolo numero di studi.