EASD 2022 — Metformina prima del concepimento negli uomini e difetti congeniti nella prole: esiste un collegamento?

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il trattamento del diabete paterno con metformina circa 3 mesi prima del concepimento è associato a un aumento del rischio di difetti congeniti maggiori nella prole, in particolare difetti congeniti genitali maschili.

I farmaci per il diabete, come la metformina, esercitano effetti glucosio-indipendenti sul sistema riproduttivo maschile; la loro associazione con i difetti congeniti nella prole rimane tuttavia elusiva. Un recente studio ha indicato che negli uomini con diabete di tipo 2 il trattamento con metformina determina una riduzione approssimativa del 20% dei livelli di testosterone, risultato che ha dato il via a questo studio.

In questo studio di coorte, prospettico, a livello nazionale i ricercatori hanno utilizzato i dati di registri delle nascite e di pazienti in Danimarca per confrontare tutti i nati vivi nel periodo dal 1997 al 2016. Sono stati esclusi i bambini di madri diabetiche o con ipertensione. Poiché lo sviluppo dello sperma fertilizzante richiede circa 3 mesi, sono stati inclusi gli uomini con una prescrizione per un farmaco antidiabetico nei 3 mesi precedenti il concepimento.

Su 1.116.779 bambini inclusi, il 3,3% presentava ≥1 difetto congenito maggiore. La prevalenza di prole con ≥1 difetto congenito maggiore esposta a insulina paterna (n=5.298) è risultata del 3,3% ed esposta a metformina paterna (n=1.451) del 5,6%. Dopo la correzione per fattori confondenti, la metformina è risultata associata a un rischio significativamente aumentato di difetti congeniti maggiori (odds ratio corretto [adjusted odds ratio, aOR]=1,40; IC 95%, 1,08–1,82), ma l’insulina no. Ulteriori analisi statistiche che consentivano il controllo per variabili che potrebbero aver influenzato l’esito, compresa l’età paterna e materna, hanno confermato i risultati relativi alla metformina. Lo studio ha inoltre rivelato che la prole di uomini con prescrizioni di metformina prima o dopo il periodo di 3 mesi necessario per la maturazione dello sperma non presentava una maggiore incidenza di difetti congeniti. Un’altra osservazione sorprendente è stata che nella prole esposta a metformina i difetti congeniti più comuni erano quelli genitali, e che si sono verificati solo nei figli di sesso maschile (aOR=3,39; IC 95%, 1,82–6,30).

Sebbene questi risultati possano potenzialmente cambiare la pratica clinica, devono essere confermati in altre coorti. Lo studio è stato pubblicato su Annals of Internal Medicine il 29 marzo 2022 ed è apparso sulla rivista Science poco dopo con il titolo “Rari difetti genitali osservati nei figli di sesso maschile di uomini che assumono un importante farmaco per il diabete”. La principale fonte di finanziamento erano i National Institutes of Health.