Durata dell’immunità ed efficacia del vaccino DTaP nei bambini


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Sebbene il vaccino antipertosse acellulare (DTaP) sia meno efficace, e l’immunità che conferisce sia meno duratura, rispetto a quello a cellule intere usato in passato, un modello matematico di trasmissione dell’infezione nelle diverse età suggerisce che non sia questa la causa dell’aumento del numero di casi osservato a partire dagli anni Settanta negli Stati Uniti.
  • Secondo questo studio, il rischio di contrarre l’infezione nell’infanzia non è un buon criterio per valutare in maniera lineare l’efficacia della vaccinazione.
  • Sulla base di questi calcoli, nonostante il rischio effettivo di contrarre la malattia durante l’infanzia (OR 1,33), DTaP protegge più di 3 bambini su 4 nella fascia 5-9 anni e più del 65% dei bambini vaccinati sono ancora immuni a 5 anni dall’ultimo richiamo.   

Descrizione dello studio

  • Su 5 coorti simulate di bambini nati tra il 2001 e il 2005, con un follow-up fino a 5-9 anni, è stato applicato un modello matematico di trasmissione della pertosse strutturato per età e precedentemente validato su dati empirici.
  • Outcome: reale efficacia della vaccinazione con DTaP sul campo e durata dell’immunità da questa conferita, in relazione all’aumento relativo di probabilità di contrarre la pertosse emerso da recenti studi epidemiologici condotti negli Stati Uniti.
  • Fonte del finanziamento: National Institutes of Health, National Istitute of General Medical Science.   

Risultati principali

  • Lo studio ha confermato una forte associazione tra perdita dell’immunità, efficacia della vaccinazione e probabilità di contagio, ma in modo non lineare e controintuitivo.
  • Sulla base della probabilità di prendere la pertosse (OR 1,33; IC 95% 1,23-1,43) è stato calcolato che l’efficacia sul campo del vaccino nei bambini 5-9 anni è >75% e che in >65% dei bambini l’immunità contro la pertosse persisteva a 5 anni dall’ultima dose.

Perché è importante

  • Nonostante alte coperture vaccinali, negli ultimi decenni si è osservata negli Stati Uniti una preoccupante ripresa dei casi di pertosse, che ha attirato l’attenzione sul vaccino DTaP.
  • DTaP è meno efficace e conferisce immunità meno duratura rispetto ai vaccini a cellule interi usati in precedenza, che tuttavia erano gravati da alcuni preoccupanti effetti indesiderati.