Dottoressa aggredita a Prato, Ordine medici 'applicare legge'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 3 nov. (Adnkronos Salute) - "Siamo vicini alla collega aggredita a Prato, durante un turno al Pronto Soccorso, a tutto il personale dell’ospedale Santo Stefano, al presidente Guido Moradei e al Consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici. Siamo profondamente amareggiati dal dover registrare l’ennesima aggressione contro medici. La legge c’è, bisogna applicarla appieno. E vanno riviste le organizzazioni, per rendere gli ospedali e i presidi luoghi sicuri". Così il presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Filippo Anelli, dopo il nuovo episodio di violenza ai danni di una dottoressa in servizio presso il Pronto Soccorso dell’ospedale pratese: un uomo di 60 anni, cui il medico stava applicando, dopo averlo sedato, dei punti di sutura, ha sferrato un pugno che ha colpito la donna in pieno volto, causandole una frattura del setto nasale con una prognosi di 25 giorni.

"Chiediamo al ministro della Salute, Roberto Speranza, di convocare al più presto l’Osservatorio, che la legge 113/2020 sulla sicurezza degli operatori ha istituito, e che comprende esponenti delle professioni sanitarie – continua Anelli -. Inoltre, richiamiamo l’attenzione degli amministratori e dei datori di lavoro sulla necessità di dare piena applicazione alla legge 81/08, il testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, mantenendo aggiornato il Documento di valutazione dei rischi e mettendo in atto le opportune tutele. Tutele che, nel caso specifico, erano state previste e anche rafforzate a seguito di una escalation di violenza nel 2019, ma che non sono purtroppo riuscite a prevenire l’aggressione".

"Infine - aggiunge Anelli - invitiamo le organizzazioni sanitarie a mettere in pratica la Raccomandazione n° 8 del 2007: gli atti di violenza a danno degli operatori sanitari costituiscono eventi sentinella che richiedono la messa in atto di opportune iniziative di protezione e prevenzione".

"Chiediamo anche alle Regioni - prosegue il presidente Anelli - un intervento per potenziare il monitoraggio degli episodi di violenza nei confronti degli operatori sanitari, rendendolo più efficiente ed efficace al fine di intraprendere azioni che impediscano il ripetersi di tali episodi, nonché disposizioni per la verifica delle condizioni di idoneità organizzativa e strutturale dei servizi in cui i medici sono maggiormente esposti ad atti di aggressione”.

“La gestione del rischio parte sempre dalla sua identificazione – spiega Roberto Monaco, Segretario Fnomceo -. Come nella valutazione del rischio clinico, il monitoraggio degli eventi sentinella, quali possono considerarsi le aggressioni, costituisce un’importante azione di sanità pubblica. In quest’ottica è fondamentale l’azione dell’Osservatorio, che registra su scala nazionale gli eventi sentinella, per poterne analizzare la genesi e prevenirli".

"Rendere gli ospedali e i presidi luoghi assolutamente sicuri, nei quali i medici si sentano tutelati e operino in completa serenità - conclude - è presupposto della sicurezza delle cure. Ed è il primo passo per prevenire la fuga del personale dal Servizio sanitario nazionale, preservandone la stabilità e l’efficienza”.