Dottoressa accoltellata a Padova, Fnomceo 'rafforzare sicurezza strutture'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 10 nov. (Adnkronos Salute) - "Una tragedia, una storia di una tristezza estrema da qualunque parte la si guardi". Così il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri, la Fnomceo, Filippo Anelli, commenta quanto accaduto questa mattina a Padova, dove una dottoressa dell’Istituto Oncologico Veneto (Iov) è stata accoltellata da un paziente. "Quello che chiediamo è che sia rafforzata la sicurezza delle strutture sanitarie – afferma Anelli -è che i medici non siano mai lasciati soli: la presenza di personale può essere un deterrente contro le aggressioni. Per fortuna la dottoressa sembra ora fuori pericolo ma il pensiero non può non andare a Paola Labriola o a Roberta Zedda, uccise a coltellate da due loro pazienti".

"Saranno gli inquirenti – spiega ancora Anelli - a far luce su una vicenda così delicata. Esprimiamo la nostra solidarietà alla collega, alla sua famiglia, al personale e ai pazienti dello Iov che hanno dovuto assistere a un episodio di violenza in un luogo deputato alla cura dei più fragili; al presidente dell’Ordine dei Medici Domenico Crisarà e a tutto il Consiglio”.

"È sconcertante – aggiunge il vicepresidente della Fnomceo, Giovanni Leoni, che è anche presidente dell’Ordine dei Medici di Venezia - che un paziente possa entrare armato di coltello in un Istituto dedicato alla cura dei pazienti oncologici. Auguriamo alla collega una pronta guarigione e auspichiamo una approfondita analisi dell’evento e una revisione dei protocolli di sicurezza per i lavoratori".