Domande errate in test Medicina 2021, Tar accoglie ricorsi

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Palermo, 28 ott. (Adnkronos Salute) - Accolti i ricorsi presentati l'anno scorso dagli aspiranti studenti di Medicina per la presenza di domande sbagliate nei test d'ingresso. I giudici del Tar del Lazio, anche a seguito anche della verifica dei quesiti ambigui con gli esperti del ministero, hanno accolto i ricorsi e, con sentenza definitiva, hanno disposto l'immatricolazione dei ricorrenti.

Gli studenti avevano partecipato, il 3 settembre 2021, al test d'accesso per i corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria e avevano ottenuto un punteggio che non consentiva loro l'immatricolazione in nessuna sede prescelta. Hanno proposto ricorso e, proprio in virtù della presenza di domande errate nel test, hanno ottenuto il tanto desiderato posto in Medicina.

"Siamo contenti che anche questa volta i giudici abbiano accolto le nostre tesi e confermato la presenza di domande errate nel test - spiegano gli avvocati Francesco Leone, Simona Fell, Floriana Barbata soci dello studio legale Leone Fell & C - Un test anacronistico, che non premia i migliori e non garantisce meritocrazia e parità di trattamento. Da 8 anni ci ritroviamo in prima linea a combattere sempre le stesse battaglie contro un ministero che non impara dai propri errori. Anche quest'anno, infatti, abbiamo riscontrato un numero esorbitante di domande errate e iperspecialistiche e anche quest'anno stiamo tutelando i concorrenti".