Disturbo da deficit di attenzione e iperattività: farmaci e rischio psicosi


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Tra gli adolescenti e i giovani adulti con una diagnosi di disturbo da deficit di attenzione e iperattività (attention deficit–hyperactivity disorder, ADHD) a cui sono prescritti psicostimolanti, l’incidenza di psicosi di nuova diagnosi è pari a 1 su 660.
  • Il rischio di psicosi è più alto nei pazienti trattati con anfetamina, rispetto a quelli trattati con metilfenidato.

 

Descrizione dello studio

  • Esplorando i database amministrativi di due organizzazioni sanitarie degli USA (periodo 2004-2015), sono stati identificati 337.919 soggetti di età compresa tra 13 e 25 anni che avevano iniziato un trattamento con metilfenidato o anfetamina per curare l’ADHD.
  • L’esito analizzato era un episodio di psicosi (nuova diagnosi di psicosi con prescrizione di un antipsicotico entro 60 giorni dalla diagnosi di psicosi).
  • In ogni database, i pazienti trattati con metilfenidato sono stati abbinati con quelli trattati con anfetamina (propensity score matching) ed è stata confrontata l’incidenza di psicosi nei due gruppi; i risultati dei due database sono stati poi aggregati.
  • Fonte di finanziamento: National Institute of Mental Health.

 

Risultati principali

  • L’analisi ha riguardato 221.846 pazienti (143.286 anni-persona di follow-up): 110.923 pazienti trattati con metilfenidato e 110.923 trattati con anfetamina.
  • Si sono verificati 343 episodi di psicosi (2,4 per 1.000 anni-persona): 106 episodi (0,10%; 1,78 per 1.000 anni-persona) nel gruppo metilfenidato e 237 episodi (0,21%; 2,83 per 1.000 anni persona) nel gruppo anfetamina (HR anfetamina 1,65; IC95%1,31-2,09).

 

Limiti dello studio

  • L’eventuale uso di droghe o un abuso di psicostimolanti potrebbe avere influito sull’insorgenza della psicosi.
  • Non erano disponibili informazioni su etnia e status socioeconomico.

 

Perché è importante

  • La prescrizione di psicostimolanti per l’ADHD è in aumento.
  • L’anfetamina, che comporta un rischio di psicosi più alto, è usata per il trattamento dell’ADHD quasi esclusivamente negli USA.