DCIS: il boost di radioterapia sul letto tumorale peggiora la QoL

  • The Lancet

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Nella sperimentazione randomizzata e controllata (randomized controlled trial, RCT) BIG 3-07/TROG 07.01, la terapia adiuvante di irradiazione dell’intera mammella (whole-breast irradiation, WBI) con irradiazione supplementare (boost) del letto tumorale di pazienti con carcinoma duttale in situ (ductal carcinoma in situ, DCIS) non a basso rischio è associata, rispetto al mancato boost, a effetti avversi su cosmesi e funzione del braccio e della spalla fino a 2 anni dopo.

Perché è importante

  • Si tratta della più ampia RCT internazionale di questo tipo per studiare la qualità della vita (quality of life, QoL).

Disegno dello studio

  •  RCT di fase 3 (N=1.208) con:
    • 4 bracci con boost rispetto a senza boost dopo WBI convenzionale (50 Gy in 25 frazioni nell’arco di 5 settimane) rispetto a WBI ipofrazionata (42,5 Gy in 16 frazioni nell’arco di 5 settimane).
    • Boost rispetto a nessun boost dopo WBI convenzionale.
    • Boost rispetto a nessun boost dopo WBI ipofrazionata.
  • Gli esiti in termini di QoL correlata alla salute (health-related QoL, HRQoL) sono stati studiati nel corso di 2 anni mediante 4 questionari.
  • Finanziamento: Dutch Cancer Society; altri.

Risultati principali

  • Il boost sul letto tumorale era associato a esiti cosmetici peggiori in base alla scala degli esiti del trattamento del tumore mammario (Breast Cancer Treatment Outcome Scale; P globale=0,00014; P corretto secondo Hochberg=0,0016) e a effetti avversi sulla funzione del braccio e della spalla in tutti i momenti di valutazione (P globale=0,0033; P corretto secondo Hochberg=0,045).
  • La funzione del braccio e della spalla è migliorata nel tempo.
  • Nessuna differenza nella HRQoL tra WBI convenzionale e ipofrazionata.

Limiti

  • Per alcuni esiti il numero di pazienti era troppo basso per l’analisi.