Danno epatico associato a trattamento con venlafaxina

  • Antonello Viti De Angelis
  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

SIF Societa' Italiana di Farmacologia

Danno epatico associato a trattamento con venlafaxina

A cura di Alessandra Russo. Specialista in Tossicologia Medica. Messina

Caso clinico

Una donna di 27 anni, affetta da depressione, era in trattamento con venlafaxina (50 mg/die).

Poiché la depressione era di grado severo, il dosaggio della venlafaxina venne gradualmente aumentato a 225 mg/die.

Inoltre, la paziente soffriva di ansia e disturbi del sonno, per cui venne trattata anche con lorazepam (1 mg/die) e zolpidem (10 mg/die)

- Riproduzione riservata e per uso personale
- Scarica il documento completo in formato PDF dal link a fondo pagina