D'Amato, 'da Covid a guerra pediatri in prima linea nelle emergenze'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 17 mar. (Adnkronos Salute) - "Nessuno di noi poteva immaginare che, a distanza di soli 2 anni, potessimo entrare in un'ulteriore emergenza, quella che, purtroppo, stiamo vivendo in questi giorni nell’accoglienza dei profughi di guerra provenienti dall'Ucraina. E anche su questo i medici pediatri sono stati da subito in prima linea". Lo ha sottolineato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, al 48.esimo congresso sindacale Fimp, la Federazione italiana dei pediatri.

"Il sistema sanitario della Regione Lazio è annoverato tra quelli che hanno avuto una delle migliori performance, sia nella gestione della pandemia sia nella campagna di vaccinazione - prosegue - e ad oggi, sta mettendo in campo tutte le sue risorse per far fronte alle drammatiche conseguenze della guerra. Senza la rete dei medici pediatri tutto questo non sarebbe stato possibile. Ora abbiamo un'occasione importante: ricostruire assieme la sanità territoriale utilizzando al meglio i fondi del Pnrr".