D'Amato (Lazio), 'via libera a medici stranieri nei concorsi'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 18 gen. (Adnkronos Salute)() - "Oggi l'affaticamento e la pressione sulle strutturare sanitarie è legata prevalentemente a casi di soggetti non vaccinati o che non hanno completato il ciclo. Ovvero i due terzi di coloro che sono in terapia intensiva sono non vaccinati; circa il 60% di coloro che stanno in area medica sono non vaccinati. Dico questo perché se fossero tutti vaccinati la pressione sul Servizio sanitario sarebbe completamente diversa. Noi abbiamo in questa emergenza Covid inserito oltre 6.000 unità di personale tra medici e infermieri. Oggi in giunta regionale abbiamo approvato una delibera importante che recependo il Cura Italia apre anche ai medici stranieri nei concorsi, personale medico extra Ue iscritto all'Ordine dei medici italiano e nel nostro Paese almeno da 5 anni". Lo ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato ospite di Adnkronos Live. "Era una richiesta che arrivava dalle associazioni, una stima è che potrebbero essere diverse migliaia', aggiunge D'Amato.