CRPC: olaparib migliora la PFS dopo la progressione durante la terapia ormonale

  • de Bono J & al.
  • N Engl J Med
  • 28/04/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Olaparib prolunga significativamente la sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) radiografica rispetto a enzalutamide o abiraterone negli uomini affetti da tumore prostatico resistente alla castrazione (castration-resistant prostate cancer, CRPC) metastatico con mutazioni di BRCA1/2 o ATM che subiscono progressione durante il trattamento con enzalutamide/abiraterone.

Perché è importante

  • Nella pratica clinica si osserva lo switch farmacologico tra enzalutamide o abiraterone, nonostante la mancanza di evidenze randomizzate a sostegno di questo approccio.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3 PROfound di 387 pazienti con CRPC metastatico che avevano subito progressione durante il trattamento con enzalutamide o abiraterone e sono stati assegnati casualmente a ricevere:
    • olaparib oppure
    • enzalutamide/abiraterone + prednisone (gruppo di controllo).
  • Endpoint primario: PFS di 245 pazienti randomizzati con ≥1 alterazione nei geni BRCA1/2 o ATM.
  • Finanziamento: AstraZeneca; MSD.

Risultati principali

  • Al cut-off dei dati, olaparib è risultato collegato a una PFS radiografica mediana significativamente più lunga:
    • nei pazienti con mutazioni di BRCA1/2 o ATM,
      • 7,4 rispetto a 3,6 mesi;
      • HR=0,34 (P
    • nella popolazione complessiva,
      • 5,8 rispetto a 3,5 mesi;
      • HR=0,49 (P
  • Nei pazienti con mutazioni di BRCA1/2 o ATM olaparib era associato a un miglioramento significativo di:
    • OS, 18,5 rispetto a 15,1 mesi (HR=0,64; P=0,02);
    • tasso di risposta obiettiva confermata, 33% rispetto a 2% (OR=20,86; P:
    • tempo mediano alla progressione del dolore (HR=0,44; P=0,02);
  • Complessivamente, i tassi di eventi avversi di grado ≥3 erano del 51% con olaparib rispetto al 38% nei controlli.
  • Le tossicità più comuni di qualsiasi grado erano anemia e nausea.

Limiti

  • Disegno in aperto.