CRPC: i dati di QoL favoriscono cabazitaxel rispetto a enzalutamide e abiraterone

  • Fizazi K & et al.
  • Lancet Oncol
  • 11/09/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Cabazitaxel migliora significativamente la risposta in termini di dolore e prolunga il tempo alla progressione del dolore rispetto ad abiraterone o enzalutamide in pazienti con tumore prostatico resistente alla castrazione (castration-resistant prostate cancer, CRPC) metastatico trattati precedentemente.
  • Cabazitaxel riduce inoltre il rischio di sviluppare eventi scheletrici sintomatici, nonostante l’uso inferiore di denosumab o bifosfonati rispetto ad abiraterone o enzalutamide.

Perché è importante

  • I risultati indicano che cabazitaxel non è associato a un effetto negativo sulla qualità della vita (quality of life, QoL) correlata alla salute e deve essere preferito rispetto a enzalutamide/abiraterone in questo quadro.

Disegno dello studio

  • Studio di fase 4, multinazionale, randomizzato.
  • 255 pazienti con CRPC metastatico trattati precedentemente sono stati assegnati casualmente a cabazitaxel (n=129) o abiraterone/enzalutamide (n=126).
  • Finanziamento: Sanofi.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 9,2 mesi.
  • È stata osservata una risposta in termini di dolore confermata nel 46% dei pazienti trattati con cabazitaxel e nel 19% dei pazienti trattati con abiraterone o enzalutamide (P
  • Cabazitaxel, rispetto ad abiraterone o enzalutamide, ha prolungato significativamente:
    • il tempo mediano alla progressione del dolore (non stimabile [NE] vs. 8,5 mesi);
      • HR=0,55 (P=0,035);
    • il tempo mediano a eventi scheletrici sintomatici (NE vs. 16,7 mesi);
      • HR=0,59 (P=0,050).
  • L’uso di denosumab o bifosfonati era inferiore nei pazienti trattati con cabazitaxel rispetto a quelli trattati con abiraterone o enzalutamide (21% vs. 37%).
  • Cabazitaxel ha evidenziato variazioni significative rispetto al basale del punteggio dell’indice di utilità del questionario EQ-5D-5L rispetto ad abiraterone o enzalutamide (P=0,030).

Limiti 

  • Studio in aperto.