CROI 2022 — TDF/FTC possono ridurre la gravità della COVID-19 nei pazienti anziani con HIV

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Tenofovir disoproxil fumarato (TDF)/emtricitabina (FTC) possono ridurre la gravità della COVID-19 nei soggetti HIV-positivi con controllo virologico, in particolare nei soggetti anziani, rispetto ad altri antiretrovirali.

Perché è importante

  • Esiste un’esigenza insoddisfatta di agenti antivirali sicuri, efficaci ed economici per il trattamento della COVID-19.
  • Alcune evidenze precedenti suggerivano un’efficacia promettente di tenofovir contro la COVID-19.

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno analizzato i dati di 51.558 soggetti HIV-positivi in terapia antiretrovirale (antiretroviral therapy, ART) di 69 cliniche per l’HIV in Spagna dal 1° febbraio al 31 dicembre 2020.
  • Sono stati determinati i rischi di ricovero ospedaliero per COVID-19, ricovero in unità di terapia intensiva (UTI) e mortalità per diversi regimi di ART dopo correzione per fattori confondenti sociodemografici e comorbilità.
  • Finanziamento: sussidi dei National Institutes of Health statunitensi e della Red Temática de Investigación Cooperativa en Sida.

Risultati principali

  • Complessivamente, il 39,6% dei pazienti HIV-positivi assumeva tenofovir alafenamide (TAF)/FTC, l’11,9% TDF/FTC, il 26,6% abacavir (ABC)/lamivudina (3TC) e il 21,8% altri regimi.
  • Sono stati segnalati in totale 2.402 casi di infezione da SARS-CoV-2 confermata in laboratorio, compresi 425 ricoveri ospedalieri, 45 ricoveri in UTI e 37 decessi.
  • Rispetto al regime TAF/FTC, i rapporti di rischio (RR) di ricovero ospedaliero per COVID-19 a 48 settimane sono risultati:
    • TDF/FTC, 0,66; IC 95% 0,43-0,91;
    • ABC/3TC, 1,29; IC 95% 1,02–1,58;
    • altri regimi, 0,81; IC 95% 0,62–1,05.
  • Rispetto a TAF/FTC, gli RR di ricovero in UTI a 48 settimane sono risultati:
    • TDF/FTC, 0,28; IC 95% 0,11–0,90;
    • ABC/3TC, 1,39; IC 95% 0,70–2,80;
    • altri regimi, 0,76; IC 95% 0,23–1,77.
  • Rispetto a TAF/FTC, gli RR di mortalità a 48 settimane sono risultati:
    • TDF/FTC, 0,37; IC 95% 0,23–1,90;
    • ABC/3TC, 2,02; IC 95% 0,88–6,12;
    • altri regimi, 0,99; IC 95% 0,34–2,61.
  • Il rischio di ricovero con TDF/FTC è risultato inferiore nei soggetti di età 50 anni rispetto a quelli di età <50 anni (RR=0,49; IC 95% 0,24–0,81 vs. 1,15; IC 95% 0,59–1,93).

Limiti

  • Disegno osservazionale.