CROI 2022 — Polmonite da COVID-19: enpatoran offre sicurezza, ma non raggiunge l’endpoint di efficacia

  • Univadis
  • Conference Report
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Enpatoran non riduce i tempi di recupero dei pazienti ricoverati in ospedale per polmonite acuta da COVID-19, ma risulta sicuro e ben tollerato.

Perché è importante

  • Enpatoran è un inibitore altamente selettivo di TLR7 e TLR8, sperimentale, che potrebbe potenzialmente prevenire uno stato iperinfiammatorio e la tempesta di citochine nei pazienti con polmonite da COVID-19.

Disegno dello studio

  • Nella sperimentazione di fase 2, multinazionale, in doppio cieco ANEMONE, pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni con polmonite da COVID-19 (punteggio 4 in base alla scala a 9 punti dell’OMS; saturazione di ossigeno nel sangue periferico [SpO2] <94%) e non sottoposti a ventilazione meccanica, sono stati assegnati casualmente a ricevere enpatoran 50 mg due volte al giorno (BID; n=54), 100 mg BID (n=46) o placebo (n=49) per 14 giorni.
  • I pazienti sono stati monitorati fino al giorno 28; il follow-up di sicurezza è stato condotto fino al giorno 60.
  • Gli esiti primari includevano tempi di recupero (scala a 9 punti dell’OMS 3) e sicurezza.
  • Finanziamento: Merck KGaA.

Risultati principali

  • I tempi mediani di recupero dal giorno 1 al giorno 28 sono risultati paragonabili tra gruppi di trattamento:
    • enpatoran 50 mg BID, 3,7 giorni (IC 95% 2,6–4,0);
    • enpatoran 100 mg BID, 3,9 giorni (IC 95% 2,0–4,8);
    • placebo, 3,4 giorni (IC 95% 2,7–4,9).
  • È stata osservata una tendenza positiva nel tempo al deterioramento clinico dal giorno 1 al giorno 28 con:
    • enpatoran 50 mg BID rispetto al placebo, HR=0,39 (IC 95% 0,13–1,15);
    • enpatoran 100 mg BID rispetto al placebo, HR=0,30 (IC 95% 0,08–1,08).
  • Complessivamente, il 59% dei pazienti ha sviluppato eventi avversi emergenti dal trattamento (treatment-emergent adverse event, TEAE) e l’11% TEAE correlati al trattamento.
  • Enpatoran è risultato ben tollerato, senza alcun effetto della dose sui TEAE.
  • La frequenza di TEAE gravi è risultata maggiore con il placebo rispetto a enpatoran (18% vs. 6%).
  • Si sono verificati 3 decessi non correlati al trattamento (2 nel gruppo placebo e 1 nel gruppo trattato con enpatoran 50 mg BID).

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni.